Prima Pagina | Politica società diritti | CAMBIARE IL PD PER CAMBIARE L'ITALIA

CAMBIARE IL PD PER CAMBIARE L'ITALIA

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
CAMBIARE IL PD PER CAMBIARE L'ITALIA

Cambiare il PD non è un fine, è un mezzo: è per cambiare l'Italia che vogliamo cambiare il PD. In tale contesto e con questi obiettivi sosteniamo la candidatura a segretario nazionale del PD di Matteo Renzi.

 

 

La crisi economica, sociale, istituzionale, culturale ed etica dell'Italia ha le sue origini anche dal mancato coraggio, nel corso degli ultimi decenni, nel promuovere riforme ormai ineludibili.

 
A spingere l'Italia fuori dalla crisi sarà solo la passione civile e la razionalità di un disegno di insieme che torni a far pensare che la politica non è un luogo per maneggioni ed ambiziosi, ma la più alta ed emozionante delle missioni laiche.  Per questo è necessario un grande partito, plurale riformista, capace di accogliere spinte diverse e riconoscerne la piena cittadinanza.  Un partito che si proponga di far vivere un progetto generale, una sorta di rivoluzione democratica per l'Italia, dando per la prima volta a questo Paese una maggioranza riformista,capace di vero cambiamento. Il cambiamento inteso come la lotta a viso aperto contro tutti i conservatorismi di destra e di sinistra, contro tutti i corporativismi, i parassitismi e le inefficienze che rendono una chimera la ripresa della crescita in Italia.  Il cambiamento inteso come la capacità di costruire insieme a tutti i soggetti sociali, economici, istituzionali, culturali, un contesto caratterizzato da maggiore semplicità ed agilità. Il PD è invece apparso spesso come una forza ripiegata su se stessa, afflitta da complessi di presunzione e di autosufficienza, che l'hanno reso asfittico e non interessante agli occhi degli elettori e delle elettrici. Il PD che vogliamo è un partito aperto, capace di animare una politica caratterizzata dal formarsi di una rete di decisioni democratiche, diffusa e fondata sull'autonomia.
Un partito nel quale la partecipazione viene prima dell'appartenenza, un partito nel quale la più grande energia nasce dalla più ampia libertà, dall'insieme di autonomia e responsabilità.


Un partito che promuove e pratica una idea di politica ambiziosa e lieve, e quella di una società civile forte, responsabile ed organizzata. Questa cessione di sovranità verso il basso è il solo vero atto esplicito e concreto per superare il correntismo e le intercapedini burocratiche, ed è anche l'unico strumento per attuare il progetto fondativo del PD come partito riformatore e di centrosinistra, a vocazione maggioritaria, capace di fare sintesi tra le diverse istanze del riformismo italiano. L'Italia ha bisogno di un PD che coltivi propositi espansivi piuttosto che riflessi difensivi, di un PD che preferisca l'apertura all'arroccamento.
Serve un rinnovamento radicale che può essere attuato solo se costruiamo tutti insieme un partito aperto che si faccia interprete e promotore dei bisogni reali di questa società, eliminando l'abisso che oggi si è creato tra società civile e ceto politico, e che ha infine portato al 40% di astensionismo. Solo così renderemo credibile la nostra ambizione di combinare in forme concrete e non anacronistiche la crescita con la giustizia sociale, la eliminazione della diseguaglianza dei punti di partenza con la valorizzazione del merito e del talento, la promozione dei diritti civili con le libertà e la laicità dello Stato, la promozione delle solidarietà intergenerazionali con la coesione sociale, la promozione ed il sostegno della libertà femminile con la costruzione di un welfare moderno, accessibile, solidale. Solo così potremo promuovere riforme che affermino Istituzioni più snelle ed efficienti, uno Stato meno lento e burocratico; una politica meno costosa e meno invadente, politiche per il credito ed il lavoro dinamiche e di sicuro impatto, politiche di vera compatibilità tra ambiente e lavoro, la cultura ed il sapere come principali elementi dello sviluppo. Il PD che vogliamo è un partito che mette al primo posto la legalità, che consideriamo la precondizione per ogni riforma vera e duratura.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0