Prima Pagina | Politica società diritti | Coworking: una nuova frontiera per l’occupazione giovanile

Coworking: una nuova frontiera per l’occupazione giovanile

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Coworking: una nuova frontiera per l’occupazione giovanile

Coworking: una nuova frontiera per l’occupazione giovanile. L’assessore Francesco Romizi a Pisa

 

L’assessore alle politiche giovanili del Comune di Arezzo Francesco Romizi ha partecipato a Pisa all’incontro promosso da Giovanisì-Regione Toscana dal titolo “Coworking e P.A. – le politiche pubbliche a sostegno di un nuovo modello di lavoro”.

Il coworking è uno stile lavorativo che coinvolge la condivisione di un ambiente di lavoro, spesso un ufficio, fra persone che mantengono tuttavia un’attività indipendente. Si tratta di uno strumento che è modello di business ma anche di forte impatto sociale “specie – spiega l’assessore Francesco Romizi – se utilizzato dagli enti locali in specificiprogetti pubblici a sostegno dell’occupazione giovanile. Non solo un’occupazione da lavoro, diciamo, ‘dipendente’ ma anche di carattere imprenditoriale. Dunque, condivisione di spazi fisici, attrezzature, sistemi informatici, non a caso il convegno era ospitato nell’ambito dell’Internet festival 2013. È chiaro che sia il soggetto ‘ospite’ sia la struttura ‘ospitante’ possono trarre vantaggio dallo scambio di professionalità e conoscenze.

Così la Regione Toscana destinerà risorse a sostegno degli enti locali che vorranno lavorare in questo ambito, così il Comune di Arezzo non si farà trovare impreparato. Stiamo lavorando ad alcune iniziative in questa direzione, che siano nuove forme di sostegno al mondo del lavoro. Senza dimenticare che quando un progetto di coworking viene portato avanti da un’amministrazione, questa utilizza propri uffici e spazi, necessariamente pubblici, che vengono di conseguenza, riqualificati”

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0