Prima Pagina | Politica società diritti | Cgil Cisl Uil: “la difesa della sede Inps è una battaglia dei lavoratori di ogni settore”

Cgil Cisl Uil: “la difesa della sede Inps è una battaglia dei lavoratori di ogni settore”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Cgil Cisl Uil: “la difesa della sede Inps è una battaglia dei lavoratori di ogni settore”

“Compromettere la funzionalità dell’Inps vuol dire minare uno dei pilastri dello stato sociale”

 

“I problemi della sede Inps di Arezzo non sono soltanto dei dipendenti di questo istituto ma interessano, senza eccezione alcuna, tutti i lavoratori e tutti i pensionati della provincia di Arezzo”.

Cgil, Cisl e Uil sono decisi a trasformare la vertenza all’istituto previdenziale in una battaglia confederale capace di coinvolgere la Rsu, le federazioni di categoria del pubblico impiego e degli altri settori e quindi anche le confederazioni. L’impegno è stato confermato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, dai Segretari confederali di Cgil e Cisl, Mugnai e Salvini.Con loro i segretari delle federazioni di categoria del manifatturiero e non solo del pubblico impiego.

“Deve essere chiaro che 46 addetti in meno  nell’organico della sede di Arezzo finiranno per compromettere il regolare funzionamento dell’istituto. In questo senso abbiamo segnali chiari non solo dall’interno ma anche dai nostri Patronati che hanno rapporti quotidiani con l’Inps. La crisi economica ha aumentato e non certo diminuito i carichi di lavoro dei dipendenti. Pensiamo soltanto alle crisi aziendali e alla conseguente gestione degli ammortizzatori sociali. Compromettere la funzionalità dell’Inps vuol dire minare uno dei pilastri dello stato sociale”.

Le segreterie confederali di Cgil Cisl e Uil sostengono quindi la vertenza aperta dalla Rsu e dalle federazioni del pubblico impiego. Lo scenario è preoccupante: nella sede di Arezzo mancano 12 addetti ai quali se ne aggiungano altri 4 tra le agenzie di Sansepolcro e Montevarchi. Tra oggi e il 2014 si annunciano 23 pensionamenti. Infine 7 dipendenti in “comando” starebbero per rientrare all’ente di appartenenza.

I Sindacati confederali chiederanno quindi un incontro alla direzione della sede Inps per un chiarimento sul presente e sul futuro della struttura aretina.

Per Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Pa e Fialp-Cisal “occorre fare oggi la riorganizzazione che è mancata nel momento della creazione del cosiddetto super Inps. Proposte che il sindacato avanza da tempo: un piano di organizzazione, valorizzazione del personale, innovazione nelle procedure e nei servizi. Interventi indispensabili per ampliare e  migliorare l'offerta di servizi ai cittadini. Va arrestata l'emorragia, dai tagli ai progetti speciali, che penalizzano chi è già sottoposto al blocco dei contratti, alla continua riduzione dei bilanci degli enti previdenziali, non da ultima quella di 240 milioni di euro disposta dalla legge di stabilità. Il tutto in un ente passato in un decennio da 40mila a 26mila unità di personale. Il Governo non tratti l'Inps come un bancomat – concludono le quattro sigle sindacali – e tuteli una parte determinante del nostro welfare.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0