Prima Pagina | L'opinione | Ordine pubblico: rispetto della legge e multienticità

Ordine pubblico: rispetto della legge e multienticità

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Ordine pubblico: rispetto della legge e multienticità

 

 

La rissa di ieri in piazza G.Monaco è motivo di allarme e turbamento tra i cittadini. Se lasciamo da parte la dietrologia e il razzismo spicciolo, ci sono soluzioni immediate e praticabili.

La trasformazione della vita in piazza piazza, dopo l’abbandono dei bar dal suolo pubblico, è in larga parte dovuto all’innalzamento, per legge nazionale dei costi per l’affitto dello stesso, salito tal punto che è parametrabile al canone di locazione commerciale di un negozio. E’ evidente che quando il prezzo supera la possibilità di guadagno, è più conveniente tirare i remi in barca e abbandonare la partita. Dal punto di vista delle casse comunali si passa così dall’incassare un po’ meno a non incassare niente. Un bel guadagno non c’è che dire.   

Ma sorvolando sulla “geniale” gestione della pressione fiscale e delle spese pubbliche nel nostro paese, ci sono soluzioni possibili nel medio termine, che migliorerebbero la vivibilità del centro. La prima e più importante, è riportare la Polizia Municipale in centro. La sistemazione attuale, “in culo al mondo” , rende distante l’istituzione dalla città, aumenta i tempi necessari agli spostamenti, elimina il passaggio pedonale degli agenti, allunga i tempi per gli spostamenti. Se la sede della PM fosse presso la Cadorna, anche solo il passaggio degli stessi vigili, renderebbe piazza G.Monaco e la Stazione FS, soggetta a ben diverso controllo e attenzione.  

Lo stazionare sulla piazza di persone di culture e nazionalità diverse invece, non la rende per questo terra straniera. Se costoro sono rispettosi della legge e del decoro, non vedo nulla di male nel fatto che la piazza sia vissuta come luogo di incontro e vi si parlino tante lingue. Il rispetto della legge e dei regolamenti, deve essere la linea di demarcazione che non può essere mai superata, mentre il fastidio per la sola presenza di persone che parlano lingue diverse dalla nostra, è solo sintomo di gravi problemi di identità. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0