Prima Pagina | Eventi e spettacoli | Martedì 10 settembre Wu Ming 1 e il suo Point Lenana alla Città Invisibile

Martedì 10 settembre Wu Ming 1 e il suo Point Lenana alla Città Invisibile

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Martedì 10 settembre Wu Ming 1 e il suo Point Lenana alla Città Invisibile

La rassegna culturale "La Città Invisibile", ospiterà martedì 10 settembre presso l'Anfiteatro Romano di Arezzo, lo scrittore Wu Ming 1, per la presentazione del suo ultimo romanzo "Point Le Nana", scritto a quattro mani con Roberto Santachiara


Il libro ruota intorno all’impresa di tre prigionieri di guerra italiani: Felice Benuzzi, Giovanni Balletto e Vincenzo Barsotti, evasi dal campo britannico di Nayuki nel 1943 allo scopo non di fuggire, ma di raggiungere una delle tre cime del monte Kenya, Punta Lenana, a quasi 5000 metri di altezza, per poi ridiscendere e riconsegnarsi agli inglesi. 
Per rendere ancora più fedele la narrazione degli eventi, gli 'autori hanno partecipato ad una spedizione negli stessi luoghi, sostenendo che "Se metti alla prova il corpo metti alla prova la scrittura". Ne è risultato un romanzo sulla montagna molto particolare e difficilmente etichettabile, che attraversa 102 anni di Storia, parla degli italiani in Africa e degli sloveni a Trieste, di alpinismo e di irredentismo, dei fascismi di ieri e di oggi ma anche della lotta partigiana e di altre resistenze.
La presentazione avrà luogo alle 21:30: oltre a Wu Ming 1, parteciperà al dibattito il Prof. Simone Duranti, storico. Modera Marco Gallorini, direttore artistico dell'Associazione Culturale Karemaski e della rassegna "La Città Invisibile"
La serata avrà inizio alle 19:30 con un aperitivo vegetariano e dj-set
Breve presentazione degli ospiti:
WU MING 1 è ferrarese, vive a Bologna ed è membro del collettivo di scrittori che col nome «Luther Blissett» firmò il romanzo Q e nel 2000 si ribattezzò «Wu Ming». 
Con tutta la banda ha scritto 54, Manituana, Altai e Anatra all’arancia meccanica. Come solista, è autore del romanzo New Thing (2004). Tutti i titoli citati sono editi da Einaudi Stile libero
Simone Duranti è storico dell'Istituto Grossetano della Resistenza e dell'Età Contemporanea (ISGREC). Si occupa di antisemitismo, politica concentrazionaria e stragismo nazifascista, firmando su tali argomenti vari saggi e bibliografie ragionate. Ha pubblicato per Donzelli un volume sulla politica propagandistica dei Gruppi Universitari Fascisti 
In caso di maltempo la presentazione si terrà in Piazza Sant'Agostino presso il Circolo Culturale Aurora

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0