Prima Pagina | Territori | SINDROME DI STOCCOLMA

SINDROME DI STOCCOLMA

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
SINDROME DI STOCCOLMA

Le similitudini tra Castiglion Fiorentino e l'Italia sono impressionanti; più leggo i comunicati del Comune più guardo i tigì nazionali e più me ne convinco.

 

A Castiglioni, dopo il fallimento, sono arrivate tasse a palla, servizi a zero, licenziamenti, chiusura di attività commerciali e cittadini sul lastrico.

Ciò nonostante gli amministratori sbandierano sciocchi e banali eventi, partecipano a sagre culinarie e raccontano balle. I cittadini dal canto loro mugugnano un po’, avanzano timide proteste, ma poi vanno a ballare il liscio.

 

E li rivotano.

In Italia, la stessa storia.

I partiti che ci hanno affossato sono sempre li in bella mostra e tra un lodo, una sentenza e un'agibilità politica prendono tempo e soprattutto ci prendono in giro. Gli italiani un po' si arrabbiano, maledicono Equitalia, poi tornano a casa a guardare la televisione e votano PDL e PD meno L.

 

E allora mi viene in mente la nota espressione Sindrome di Stoccolma, dove un soggetto sottoposto a episodi violenti e traumatici durante un abuso o una prigionia, prova sentimenti positivi, fino all'amore, nei confronti dei propri aguzzini. Spero proprio di sbagliarmi e comunque mi auguro che la Sindrome di Stoccolma non abbia contagiato tutti.

 

Ne riparleremo tra pochi mesi quando gli italiani e i castiglionesi saranno chiamati alle urne.

Avv. Domenico Nucci, Senza Partiti  

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0