Prima Pagina | Politica società diritti | Una svolta verde per il Comune di Arezzo

Una svolta verde per il Comune di Arezzo

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Una svolta verde per il Comune di Arezzo

Luigi Scatizzi propone di impostare i futuri bilanci comunali con un taglio ambientale ed ecologico Il capogruppo dei Popolari Arezzo punta particolarmente su un forte sviluppo dell'edilizia verde

 

 

 

I futuri bilanci del Comune di Arezzo dovrebbero essere indirizzati verso una vera e propria svolta verde. Verde non per scarsità di risorse, ma perché impostata con un forte taglio ambientale ed ecologico. La proposta arriva dal consigliere comunale Luigi Scatizzi che, in occasione della presentazione del bilancio di previsione del 2014, ha avanzato un atto d'indirizzo con alcune idee per valorizzare i temi dello sviluppo ecocompatibile per la città di Arezzo. «Ambiente e sviluppo devono esser considerati in stretta relazione - spiega il capogruppo dei Popolari per Arezzo. - Nel mio atto di indirizzo ho chiesto che vengano unificati gli interventi di spesa per i due settori che, pur appartenenti a funzioni di bilancio diverse, politicamente costituiscono un unicum ormai inscindibile. L'amministrazione deve mostrare la volontà di imboccare la via di un bilancio che calcoli il valore delle scelte ecologiche e che programmi uno sviluppo sostenibile partecipato e razionale». Questa svolta verde dovrà basarsi sulla predisposizione di politiche di rispetto e di salvaguardia ambientale con scelte innovative per lo smaltimento dei rifiuti, lo sviluppo del riciclaggio e lo sfruttamento della risorsa delle biomasse. Alla base di tutto dovrebbe esservi la predisposizione di un piano energetico locale che preveda lo sviluppo di energie alternative, con la creazione di un ecosportello del territorio in cui indirizzare e sviluppare tutte le attività di formazione e di informazione ambientale. Il perno della proposta dei Popolari per Arezzo fa riferimento all'edilizia verde, con la previsione di affidare gli appalti pubblici solo a chi utilizza mezzi e strumenti ecocompatibili. «Come previsto dalla disciplina comunitaria - conclude Giovanni Grasso, vicepresidente dei Popolari per Arezzo, - gli interventi dei lavori pubblici dovrebbero privilegiare le costruzioni in bioedilizia e l'utilizzo di materiale ecocompatibile. Un'amministrazione etica e orientata verso il futuro deve certificare le proprie azioni anche da un punto di vista ecologico».

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0