Prima Pagina | Salute e sanità | Sanità aretina: salvataggio del 118 e incentivazione di tutti i servizi

Sanità aretina: salvataggio del 118 e incentivazione di tutti i servizi

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Sanità aretina: salvataggio del 118 e incentivazione di tutti i servizi

Dichiarazione della presidente della commissione consiliare sanità Elisa Bertoli (Pd):

 

 

 

I tempi per la  sanità si dimostrano sempre più difficili.  I tagli che vengono proposti in questi giorni dalla Regione Toscana vorrebbero toccare anche la nostra Asl che si è sempre contraddistinta per la sua capacità di riuscire a raggiungere gli obiettivi proposti. Le Best Practices attuate dalla dirigenza ospedaliera non possono essere considerate il fanalino di coda di Area Vasta ma al contrario dovrebbero essere opportunamente valorizzate. Anche considerando che non tutte le altre realtà, come ben sappiamo, sono riuscite a raggiungere gli stessi risultati di efficienza e di spesa.

Come si evince anche della delibera regionale 1235, la centrale 118 di Arezzo ha tutte le carte in regola per assurgere al rango di eccellenza nel panorama della sanità toscana: lo è sia in termini di ottimizzazione dei costi che per la sua recente realizzazione.

Ma la definizione del futuro ruolo del 118 può rappresentare il punto di partenza affinché sia chiarito definitivamente il ruolo che l’ospedale di Arezzo avrà all’interno dell’Area Vasta.

I sacrifici che tutti gli operatori e cittadini aretini ogni giorno subiscono affinché il nostro ospedale possa essere un’eccellenza regionale, non possono essere vanificati dalla non considerazione delle nostre potenzialità. I servizi all’interno dello stesso non possono essere ridimensionati ma al contrario devono essere incrementati, deve essere inoltre messa la parola fine ai primariati vacanti, le professionalità devono essere per il bene del cittadino sempre garantite. Pensiamo alla Grecia che disinvestendo in sanità e prevenzione non ha fatto altro che peggiorare la situazione sanitaria.

Bisogna ricordarsi sempre che l’ospedale di Arezzo è stato costruito e mantenuto ad alti livelli di specializzazione grazie al lavoro di tutto il personale e alla generosità degli aretini che si sono sempre resi disponibili, anche finanziariamente, per preservare e far crescere la struttura del San Donato.

È per queste ragioni che la Commissione Sanità del Comune di Arezzo si riunirà urgentemente per produrre un documento da presentare, tramite il nostro Sindaco, al Presidente della Regione.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0