Prima Pagina | Politica società diritti | Riconoscere il ruolo dell’associazionismo

Riconoscere il ruolo dell’associazionismo

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Riconoscere il ruolo dell’associazionismo

Donella Mattesini: “ nella nostra società e sostenerne l’operatività è un atto di grande rilievo, concreta sensibilità, corretto impiego di risorse a beneficio di tutti e dei più deboli in particolare”

 

 

La Senatrice Donella Mattesini ha presentato, a margine dell’approvazione del “D.L. Fare”, un Ordine del Giorno, al quale il Governo Letta ha già dato parere positivo, che impegna il Governo ad una particolare attenzione verso le Associazioni di volontariato sociale. “In una fase di grave crisi economica quale quella che stiamo attraversando – dichiara la Senatrice Mattesini – riconosciamo che le Associazioni svolgono un ruolo di fondamentale importanza, in virtù della loro capillare presenza nel territorio e in generale grazie al livello di professionalità raggiunto”. Se da un lato quindi, nel Decreto Legge Fare, una delle novità è costituita da  un prestito di 150 milioni di euro per la Croce Rossa, con la previsione che tale associazione possa presentare  un'istanza di accesso ad anticipazione di liquidità per l'anno 2014 nel limite massimo di 150 milioni per superare le difficoltà in considerazione del ruolo fondamentale svolto, “dall’altro – dichiara Mattesini – occorre porre analoga attenzione nei confronti delle associazioni di volontariato che hanno per scopo l’assistenza sanitaria e sociale, essenziali per garantire un buon funzionamento del welfare solidale”. Di fronte dunque al ruolo fondamentale svolto dalle tante associazioni presenti in Italia, riconoscendo il valore sociale delle stesse e la funzione dell'attività di volontariato come espressione di partecipazione e solidarietà, l’Ordine del giorno presentato, impegna il Governo ad adottare le iniziative necessarie a sostenere le associazioni di volontariato, con l'implementazione del Fondo nazionale per le politiche sociali, al fine di rafforzare e  riconoscere in modo più qualificato le molteplici attività svolte dalle stesse e la professionalità delle prestazioni da esse garantite. “Il volontariato, o terzo settore – continua la Senatrice Mattesini - svolge un ruolo fondamentale, sopperendo ad esigenze sociali e sanitarie espresse dalle fasce sociali più deboli come anziani, malati o bambini, integrandosi o sostituendosi all’intervento pubblico qualora quest’ultimo non sia in grado di dare una risposta adeguata ed ha un peso specifico ancora maggiore in una fase di crisi economica così acuta. Le professionalità coinvolte sono multidisciplinari, con competenze diverse, tra cui medici, infermieri, assistenti sociali, psicologi, assistenti spirituali e volontari, impegnati quotidianamente in un complesso lavoro. Si integrano in equipe con gli altri operatori coinvolti e svolgono un ruolo insostituibile nell’attuazione di compiti socio-assistenziali. Riconoscere l’importanza del ruolo dell’associazionismo nella nostra società e  sostenere l’operatività di questa che si configura spesso come una missione,  è un atto di grande rilievo, concreta sensibilità, corretto impiego di risorse a beneficio di tutti e dei più deboli in particolare”

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0