Prima Pagina | Politica società diritti | “Un appello per la famiglia che vive nei boschi presso Indicatore”. Risponde Caremani

“Un appello per la famiglia che vive nei boschi presso Indicatore”. Risponde Caremani

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“Un appello per la famiglia che vive nei boschi presso Indicatore”. Risponde Caremani

 

 

 

Faccio un appello accorato a favore della famiglia che sta vivendo da tempo in condizioni di grande disagio in un’abitazione, che non si può definire tale, nei boschi presso Indicatore. Si tratta di marito e moglie con tre figli, di essi si sono occupati anche i servizi sociali e la situazione è nota da tempo.

Adesso si è aggiunta un’ulteriore tegola: la donna infatti è malata, ha subito un trattamento ospedaliero e continua a necessitare di cure. Certamente non può vivere dove ora. Chiedo perciò a chi è preposto di prendere in considerazione l’idea di una nuova sistemazione per la famiglia. Chiunque può verificare lo stato di degrado della vita di queste persone e le condizioni di salute della donna. È venuto il momento di intervenire.

 

L’assessore alle politiche sociali Marcello Caremani risponde a Pilade Nofri

In merito all’appello fatto da Pilade Nofri rivolto a favore della famiglia che vive in condizioni di degrado nei boschi presso Indicatore, preciso che lo stesso nucleo familiare è in carico da tempo, sia da un punto di vista economico che operativo, ai servizi sociali del Comune di Arezzo. L’amministrazione, in particolare modo, ha riservato speciale attenzione ai tre figli e ha fatto anche una serie di proposte specifiche che potessero alleviare la condizione di degrado abitativo. Degrado che, questo come scelta di carattere generale, teniamo sempre monitorato in ogni sua manifestazione per alleviarlo e possibilmente annullarlo.

Il fatto per queste persone di vivere dove adesso vivono è stato frutto anche di una loro scelta ma questo non toglie che rivaluteremo il problema, da entrambi i punti di vista a cui sopra mi riferivo, alla luce soprattutto delle condizioni di salute in cui versa ora la donna.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0