Prima Pagina | Politica società diritti | Il Comune utilizzi le auto elettriche per sviluppare il turismo

Il Comune utilizzi le auto elettriche per sviluppare il turismo

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il Comune utilizzi le auto elettriche per sviluppare il turismo

Scatizzi ha chiesto a Fanfani la sorte dei 400.000 euro stanziati dalla Toscana per le auto elettriche I Popolari per Arezzo sconsigliano l'utilizzo per il "car sharing": meglio volgerle in ambito turistico

 

AREZZO – La regione Toscana ha stanziato 400.000 euro al Comune di Arezzo per l'acquisto di auto elettriche. I dettagli di tutta questa operazione sono stati domandati al sindaco Giuseppe Fanfani nel corso dell'ultimo consiglio comunale attraverso un'interrogazione presentata dal capogruppo dei Popolari per Arezzo Luigi Scatizzi. Il consigliere ha chiesto al primo cittadino di spiegare come intende investire tale fondi e, soprattutto, come il Comune vorrà utilizzare le auto elettriche in questione. «Queste vetture - ha affermato Scatizzi, - sembra che siano destinate ad un servizio di "car sharing" nell'ambito del territorio cittadino e comunale, per permettere ai cittadini di noleggiare i mezzi e di ridurre così l'utilizzo dell'auto privata. Un servizio del genere è già stato testato in città con un analogo progetto di "bike sharing" che prevedeva numerose postazioni dove noleggiare biciclette, con risultati non brillanti e con uno scarso utilizzo da parte dei cittadini di questi mezzi di trasporto. Mi chiedo allora se sia il caso di reinvestire risorse in un progetto che non ha avuto successo o se non sia meglio individuare per queste auto una destinazione maggiormente funzionale». La proposta dei Popolari per Arezzo è di volgere questi mezzi verso un utilizzo turistico. Le auto elettriche potrebbero infatti esser dedicate alla visita della città storica, consentendo ai turisti di prenotare un tour con una guida che li porti alla scoperta dei siti monumentali e museali del territorio, utilizzando il tragitto come una visita a cielo aperto delle bellezze aretine. «Pubblicizzando adeguatamente il servizio e inserendolo nei pacchetti delle agenzie turistiche - conclude Lorenzo Roggi dei Popolari per Arezzo, - potremmo aggiungere un altro tassello ad un più vasto e organico progetto di sviluppo del turismo sul territorio. Condividiamo la bontà dell'investimento perché porterebbe ad Arezzo mezzi ad alta efficienza, ecologici, silenziosi, con assenza di emissioni dirette e con bassi costi di manutenzione, ma occorre inserirli correttamente nell'ottica della nostra città».

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0