Prima Pagina | Eventi e spettacoli | Il Mix Festival chiude alla grande

Il Mix Festival chiude alla grande

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il Mix Festival chiude alla grande

Un'edizione record con 20mila presenze e molte sorprese. Jovanotti con Roberto Saviano per il concerto finale

 

 

 E' un mix irresistibile. Promosso da Comune di Cortona, Gruppo Feltrinelli e Regione Toscana, in collaborazione con Orchestra della Toscana, Fondazione Toscana Spettacolo, Accademia degli Arditi e Officine della Cultura, il Cortona Mix Festival 2013 ha proposto al pubblico nove indimenticabili giorni tra letteratura, musica, cinema, danza, teatro. Una grande festa all'insegna della cultura e del buon vivere, che dal 27 luglio al 4 agosto (con anteprima la sera del 26 luglio) ha attirato oltre 20.000 presenze (il doppio della scorsa edizione), coinvolgendo i cortonesi, i turisti italiani e stranieri, gli appassionati di arte e spettacolo.

La rassegna è stata chiusa da un concerto di Jovanotti con Roberto Saviano come ospite.

“Dopo il successo della prima edizione, il difficile era ripetersi e magari anche migliorarsi”, commenta Andrea Vignini, Sindaco di Cortona. “Possiamo dire di esserci riusciti e siamo orgogliosi nel vedere come il Cortona Mix Festival, in appena due anni, sia diventato un evento straordinario sotto tutti i profili. Per la partecipazione di big del panorama culturale e artistico nazionale e internazionale – che scoprono Cortona e inevitabilmente se ne innamorano – e per il legame sempre più stretto che si è creato tra il Festival, il territorio, la città. Quest'anno Cortona ha festeggiato in piazza con uno dei suoi abitanti più famosi, Jovanotti; ha accolto il nuovo cittadino d'eccezione Max Weinberg; ha messo in mostra le sue eccellenze enogastronomiche, culturali e archeologiche; soprattutto, ha dimostrato un entusiasmo incredibile nei confronti del Festival, non solo partecipando agli incontri e agli spettacoli, ma anche sopportando gli inevitabili disagi legati a una manifestazione in crescita e aiutandoci – gli abitanti, i turisti, i gestori degli esercizi commerciali – a rendere il Mix Festival un appuntamento sempre più bello e memorabile”.
“E' stata un'edizione esplosiva”, aggiunge Dario Giambelli, Amministratore Delegato del Gruppo Feltrinelli, “grazie alla presenza dei grandi ospiti e a un'organizzazione che ha affrontato con perizia e attenzione quelli che un giornalista ha definito i giorni d'oro di Cortona. Tutti hanno parlato della straordinaria festa finale con Jovanotti e Saviano, ma a me piace ricordare anche gli altri appuntamenti, quelli che sono il cuore del Festival e lo rendono un'esperienza unica. Penso all'Aida in cui hanno cantato centinaia di bambini di Cortona e dintorni, ai giovani musicisti locali saliti sul palco per suonare con il grande Max Weinberg, ai lettori che hanno affollato incontri inediti e particolari come il racconto di Pompei di Eva Cantarella e Luciana Jacobelli, l’avvincente storia della pubblicazione de Il dottor Zivago, le letture di Amanda Sandrelli dal romanzo di Paolo Di Paolo. E penso agli spettatori delle proiezioni notturne di Visions, il ciclo di film e documentari curato dalla tv laeffe, media partner della manifestazione che ci permetterà nelle settimane e nei mesi futuri di rivederne sul digitale terrestre i momenti migliori. Il Cortona Mix Festival si è riaffermato come un grande evento di cultura – alta e popolare insieme – capace di coinvolgere la città e di sperimentare accostamenti inediti tra le arti”.
 
“Ho sostenuto il Cortona Mix Festival dalla sua nascita”, afferma Jovanotti, protagonista del concerto finale di domenica 4 agosto. “Non solo perché è organizzato a Cortona, la mia città, ma anche perché l'idea stessa di contaminazione mi appartiene: credo che “mix” sia la prima parola che ho pronunciato quando ero nella culla! Alla prima edizione non ho potuto partecipare e quando ho visto che c'era l'opportunità di fare qualcosa di speciale quest'anno, non me la sono lasciata scappare. Sarò contentissimo di contribuire anche alle prossime edizioni, magari facendo da tramite con altri artisti e aiutando il Festival ad ampliare ulteriormente i confini del mix, verso le nuove frontiere della musica elettronica, underground, di ricerca”.
 
Anche nel 2013 si è confermata la perfetta sinergia tra il Cortona Mix Festival e le location offerte dalla cittadina della Val di Chiana: dal nucleo centrale formato da Piazza Signorelli, Teatro Signorelli e dal cortile medievale di Palazzo Casali, scendendo fino al grande e accogliente spazio del Centro Sant'Agostino e al panorama mozzafiato di Piazza Garibaldi, coinvolgendo nuovi scenari come Piazza della Repubblica e Piazza François Mitterand, raggiungendo le cantine, i relais e gli agriturismi che fanno da preziosa e gustosa corona al borgo abitato.
 
Fedele allo spirito che lo ha visto nascere – promuovendo la varietà delle arti e la loro contaminazione, anche sperimentale – il Cortona Mix Festival ha proposto un programma molto vario, nel quale si sono alternati musica e letteratura, cinema e teatro, danza e dj set, giornalismo e approfondimento culturale. Piazza Signorelli si è regolarmente riempita per spettacoli tanto diversi quanto coinvolgenti come l'Aida di Giuseppe Verdi (con la partecipazione dei cittadini) e la proiezione di Metropolis di Fritz Lang (con accompagnamento live dell'Orchestra della Toscana), come la festa rock'n'roll di Max Weinberg (il batterista della E Street Band di Bruce Springsteen, a cui è stata conferita la cittadinanza onoraria) e della locale The Mix Festival Band, il divertente show di Elio e le Storie Tese e il concerto finale a sorpresa di Jovanotti. Il pubblico ha affollato gli incontri con maestri della narrativa come Alessandro Baricco e Valerio Massimo Manfredi, ma si è lasciato catturare anche da tematiche sociali e drammatiche vicende personali, come quelle affrontate da Gianluca Nicoletti e Simonetta Agnello Hornby e spesso ha deciso di chiudere la giornata con le proiezioni curate dalla nuova tv laeffe. Confermato anche il successo del Bookshop Feltrinelli, la libreria allestita al pianterreno del MAEC – Museo dell'Accademia Etrusca e della Città di Cortona, nella quale sono stati venduti oltre 2000 libri nell'arco del Festival (tra cui numerose copie di Stoner di John E. Williams, che i librai Feltrinelli e i visitatori del sito www.cortonamixfestival.it hanno nominato vincitore del Mix Prize 2013).
 
Connotato da una forte presenza internazionale (il fisarmonicista francese Richard Galliano, il re del noir texano Joe Lansdale, gli editori tedeschi Klaus Wagenbach e Susanne Schüssler) e femminile (la scrittrice Cristina Comencini, la storica e critica di teatro Gaia Servadio, la ballerina Mara Galeazzi, protagonista di uno spettacolo che ha coinvolto alcune delle principali compagnie di danza europee), con appuntamenti pensati per il pubblico più giovane (lo scrittore e dj Guglielmo Scilla) e omaggi ad artisti che ci hanno lasciato (lo spettacolo teatrale dedicato al regista cortonese Massimo Castri),  il Cortona Mix Festival 2013 è stato un successo per la partecipazione in crescita degli spettatori, per gli ottimi riscontri ricevuti sulla stampa nazionale e locale e l’interesse registrato sui social network ma anche perché – ancora più che nell'edizione d'apertura – è riuscito nella missione di coinvolgere gli ospiti, gli artisti e il pubblico stesso nell'entusiasmante gioco del mix artistico, culturale e spettacolare. Grazie alle proposte innovative e agli accostamenti inediti proposti dal programma, come il riuscito incontro tra musica sinfonica ed elettronica messo in scena dall'Orchestra della Toscana diretta da Daniele Rustioni (a Teatro Signorelli) e dal dj set di Federico Grazzini (in Piazza della Repubblica), all’originale format dell’audiodramma L'etica del parcheggio abusivo curato da Fonderia Mercury, alle esilaranti rielaborazioni in chiave moderna e popolare del repertorio classico di Igudesman &Joo, al confronto letterario tra orizzonti così diversi come la Modena di Ugo Cornia e la Tel Aviv di Etgar Keret; e grazie agliimprevedibili incontri avvenuti tra gli artisti durante il festival stesso, magari come contorno di un buon pranzo o di una passeggiata per le vie della città: scintille in grado di accendere sorprese nei giorni d'oro di Cortona (Kasey Lansdale, giovane e talentuosa figlia dello scrittore Joe, che raggiunge Max Weinberg e la Mix Festival Band sul palco di Piazza Signorelli) e chissà, forse anche amicizie e collaborazioni future (Jovanotti che dialoga con Alessandro Baricco sugli scalini del Centro Sant'Agostino e scherza con Max Weinberg sulla futura partecipazione di entrambi al Rock In Rio di Rio De Janeiro). Piccole grandi storie di nove giorni davvero memorabili, raccontati con dovizia di immagini, video, link e materiali stampa, sul sito ufficiale (www.cortonamixfestival.it) e sui diversi social network (Facebook, Twitter, Pinterest, Instagram, Flickr, sui quali è stata registrata un’attività del pubblico più che doppia rispetto alla prima edizione). Dimostrazioni delle straordinarie potenzialità del mix, destinate a crescere e a rinnovarsi anche nel 2014: la terza edizione del Cortona Mix Festival si svolgerà da sabato 26 luglio a domenica 3 agosto 2014.
 
Gli appuntamenti più seguiti
 
 I concerti di Jovanotti, Max Weinberg &The Mix Festival Band, Elio e le Storie Tese
La proiezione di Metropolis di Fritz Lang con accompagnamento live
dell’Orchestra della Toscana diretta da Frank Strobel
Il mix tra musica sinfonica ed elettronica proposto dall'Orchestra della Toscana diretta da Daniele Rustioni (a Teatro Signorelli) e dal dj Federico Grazzini (in Piazza della Repubblica)
Le narrazioni e gli incontri con Roberto Saviano, Alessandro Baricco, Valerio Massimo Manfredi, Gianluca Nicoletti, Gad Lerner e Marina Viola e
La proiezione di Iberia di Carlos Saura, a cura di laeffe.
 
I libri più venduti al Bookshop Feltrinelli
(aperto fino al 18 agosto 2013)
Zero Zero Zerodi Roberto Saviano
Il male che si deve raccontaredi Simonetta Agnello Hornby (con Marina Calloni)
Una certa idea di mondodi Alessandro Baricco
Pompei è viva di Eva Cantarella e Luciana Jacobelli
La libertà dell'editoredi Klaus Wagenbach
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0