Prima Pagina | Politica società diritti | MALTEMPO: DANNI AI CIMITERI. CHIUSO FRASSINETO

MALTEMPO: DANNI AI CIMITERI. CHIUSO FRASSINETO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
MALTEMPO: DANNI AI CIMITERI. CHIUSO FRASSINETO

Arezzo Multiservizi ha messo in atto il piano calamità per far fronte all’emergenza

 

La società Arezzo Multiservizi preso atto dei danni causati in alcuni cimiteri dalla tromba d’aria abbattutasi ieri pomeriggio nell’Aretino, ha disposto l’attuazione del piano di emergenza.

Chiuso per impraticabilità il cimitero di Frassineto dove alcuni alberi si sono abbattuti tra le lapidi. Da stamani sono già al lavoro squadre di operai di ditte per mettere in sicurezza i camposanti danneggianti e poter così ripristinare la situazione in breve tempo.

“Il maltempo – ha dichiarato il presidente Luciano Vaccaro -  ha causato danneggiamenti tra le mura di alcuni cimiteri extraurbani. Policiano e Frssineto quelli maggiormente danneggiati. Piante esterne alle pareti perimetrali si sono abbattute tra le lapidi. A Frassineto addirittura una pianta ha fatto crollare il muro di recinzione”.

“Questa mattina – spiega Vaccaro - abbiamo effettuato sopralluoghi sui siti di periferia, al termine dei quali la società ha disposto la chiusura del camposanto di Frassineto. Già da stamani a Policiano si sta lavorando per portare la situazione alla normalità. Dal pomeriggio gli interventi partiranno a Frassineto con l’obiettivo di riaprire il sito cimiteriale nel più breve tempo possibile”.

 

“Grazie al piano di emergenza in caso di calamità che avevamo predisposto – aggiunge il presidente di Arezzo Multiservizi - sarà possibile intervenire celermente con i lavori di ripristino. A Frassineto poi partiranno anche i lavori di manutenzione straordinaria dei viali e il rifacimento della cappella programmati da tempo cui si aggiungerà necessariamente il ripristino delle mura perimetrali che hanno subìto i danni dal maltempo”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0