Prima Pagina | L'opinione | Caro Enrico Letta, vuoi mettere mano alla Costituzione? Vorremmo darti qualche consiglio!

Caro Enrico Letta, vuoi mettere mano alla Costituzione? Vorremmo darti qualche consiglio!

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Caro Enrico Letta, vuoi mettere mano alla Costituzione? Vorremmo darti qualche consiglio!

In nome dei diritti acquisiti e così come previsto, è finito in un nulla di fatto anche il «contributo di solidarietà» chiesto alle pensioni che superano i 90mila euro lordi all'anno e bollato come illegittimo dalla Corte Costituzionale.

 

 

 

 


Saranno restituite con i pagamenti di luglio e agosto le trattenute sulle pensioni d'oro decise dal governo Berlusconi a decorrere dal 1 agosto 2011 e fino al 31 dicembre 2014. A dettagliare il timing del pagamento del cosidetto "contributo di perequazione" che gravava sugli assegni superiori a 90 mila euro l'anno e dichiarato illegittimo dalla sentenza n. 116/2013 è una nota dell'Inps (che nel frattempo annuncia un buco di nove virgola due miliardi) che dopo aver interrotto la trattenuta, ora provvede alla restituzione.

Caro presidente vuoi mettere mano alla Costituzione? Ecco da dove cominciare! Una norma semplicissima:

“Qualunque rendita finanziaria, previdenziale e non assistenziale, erogata dallo stato o da enti dello stato, dovrà essere calcolata su quanto è stato realmente versato. I metodi di calcolo saranno fissati da legge ordinaria”.

Norma costituzionale (così come l'obbligo di pareggio di bilancio), perchè solo così si può scavalcare a piedi pari tutte le norme sui diritti acquisiti (anche quelle che garantiscono il diritto a percepire rendite non dovute).   

Nessuno vuole togliere un centesimo ai pensionati d’oro, ma nemmeno regalare pensioni assurde a chi non ha versato il corrispettivo relativo. Suscita rabbia, dolore, senso di ingiustizia. Eppoi diciamolo chiaro: in molti casi è una ladrata!

Invece di costringere i pensionati a contributi incostituzionali, è necessario riportare la legalità all’interno del sistema pensionistico. Se un cittadino ha versato milioni di euro all’INPS, è giusto che riceva una pensione adeguata. Ma dubito che il sistema retributivo, su cui queste pensioni sono state calcolate, tenga di conto che questi versamenti non ci sono mai stati, se non in brevi e finali periodi.  

 

 

   

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0