Prima Pagina | Cronaca | "Sequestrato in casa dai ladri"

"Sequestrato in casa dai ladri"

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
"Sequestrato in casa dai ladri"

Racconto drammatico di Mariano Carlini presidente della Croce Bianca "Io in camera, loro a razziare" Lo hanno chiuso a chiave nella sua stanza e via. Pugni alla porta mentre in due rovistavano tra le sue cose. "Ora ho paura e ogni volta che entro in casa mi barrico dentro"

 

Tratto da La Nazione di oggi

 

Si è ritrovato con i ladri in casa, addirittura sequestrato dentro la sua abitazione, al quinto piano di via Cimabue Un'esperienza choc per chiunque. E anche per  Mariano Carlini, presidente della Croce Bianca, un personaggio molto noto in città. 

«Sono rientrato all’ora di pranzo. Ho mangiato e sono andato in camera da letto per riposare. Ho accesso la televisione e mi sono sdraiato sul letto. Dopo qualche minuto ho sentito dei rumori e ho visto sbucare una mano dalla porta. In casa c’erano i ladri.

Mi sono alzato di scatto ma non sono riuscito a impedire che chiudessero la porta della camera a chiave. Erano almeno in due, ho iniziato a dare pugni alla porta. Li sentivo rovistare entro i mobili e gli armadi. Fortunatamente avevo con me il cellulare e ho telefonato alla mia compagna. Poi ho chiamato i carabinieri ma i ladri si sono dati alla fuga».

«Un vero trauma, ora ogni volta che entro in casa, nonostante abbia la porta blindata e alcuni sistemi di sicurezza, mi barrico dentro. Ho paura, non mi sento più sicuro e tranquillo, sono sempre teso e in ansia».

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0