Prima Pagina | Politica società diritti | FRANCESCO CONTI: “SI APRA UN TAVOLO DI CONFRONTO SULLA RIAPERTURA DELLE CIRCOSCRIZIONI”

FRANCESCO CONTI: “SI APRA UN TAVOLO DI CONFRONTO SULLA RIAPERTURA DELLE CIRCOSCRIZIONI”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
FRANCESCO CONTI: “SI APRA UN TAVOLO DI CONFRONTO SULLA RIAPERTURA DELLE CIRCOSCRIZIONI”

 

“Nelle ultime settimane, ed anzi più spesso negli ultimi giorni, denoto una continua, se non stancante, presenza del primo cittadino aretino nella stampa. Ho sempre creduto che gli spot  terminassero una volta concluse le elezioni, mentre questo fa pensare che per Qualcuno siamo ancora in campagna elettorale.

La città non è amministrata, e la giunta, salvo rari casi, si preoccupa di cavalcare continui spot elettorali e di riempire le pagine dei giornali per nascondere questo drammatico immobilismo.

Vorrei ricordare a Fanfani che Arezzo non è solo “centro storico” ma anche numerose frazioni che aspettano l'interessamento dell'amministrazione per risolvere i problemi che le affliggono.

Se qualcosa nelle frazioni sopravvive lo si deve esclusivamente alla volontà dei cittadini e delle molte associazioni che riescono, con manifestazioni ed eventi di interesse sociale e sportivo a supplire alle mancanze di una giunta immobile ormai da anni.

Questo non può e non potrà mai bastare; ci sono esigenze di carattere infrastrutturale e relative alla manutenzione che solo il Comune può risolvere.

Sono tanti i cittadini delle frazioni che attendono risposte che questa giunta non è in grado di dare, ma per questo non possono essere relegati a “cittadini di serie B”.

Fanfani le faccio una proposta, si apra un tavolo di confronto sul futuro strategico delle frazioni, che possa anche fare propria la volontà di riaprire i Consigli di Circoscrizione, l'ente che ha sempre provveduto da solo alla manutenzione delle strade e al sostegno delle iniziative territoriali.

Se,come sembra, si va verso l'abolizione dell'ente Provincia, le nuove esigenze di decentramento amministrativo di un Comune territorialmente esteso come Arezzo, devono passare da chi realmente conosce le necessità delle frazioni, molte delle quali non sono neanche rappresentate da un consigliere comunale.

Caro Sindaco il requisito dei 100.000 abitanti nel nostro Comune è stato raggiunto, si facciano le dovute verifiche normative e si proceda con una seria discussione che possa, da qui alle prossime elezioni amministrative, portare all'elezione dei nuovi consigli.

Ovviamente gli amministratori non dovranno avere compensi economici.

Il comune le doti di autosufficienza economica e tralasci i boulevard inutili o le piste ciclabili non protette con percorsi da brivido.

La politica deve tornare ad essere credibile e lo può fare anche attraverso l'unico ente, la circoscrizione, che ha impiegato i propri fondi sul territorio e che da sempre è quello più vicino al cittadino.”

Francesco Conti

Coordinatore Comunale PDL Arezzo

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0