Prima Pagina | Eventi e spettacoli | Arezzo Wave, la soddisfazione di Valenti:"Location bellissima. Grazie al Comune e ai volontari"

Arezzo Wave, la soddisfazione di Valenti:"Location bellissima. Grazie al Comune e ai volontari"

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Arezzo Wave, la soddisfazione di Valenti:"Location bellissima. Grazie al Comune e ai volontari"

Il patron del festival commenta la 27esima edizione, parlando del futuro e ringraziando i volontari e i ragazzi della Polisportiva Albergo Oliveto. "Qui potremmo portare 80mila persone. Gran lavoro dei volontari, quest'anno è stato un po' come se avessimo portato il Barcellona in ritiro a Foiano".

Articolo di Andrea Avato by Amarantomagazine.

“Siamo davvero molto contenti della serata, Max Gazzè ha fatto una dichiarazione d’amore per ArezzoWave e questo ci inorgoglisce perché ha sottolineato la nostra mission, quella di promuovere gruppi emergenti e di portare la musica italiano all’estero – spiega Mauro Valenti, patron di Arezzo Wave. È stata una festa perché sono arrivate molte famiglie e questo è davvero un enorme piacere”.
Dopo un inizio di settimana condizionato dalla pioggia anche il meteo ha dato una mano al Love Festival che nella serata di sabato ha registrato oltre 2mila persone. “Abbiamo amici importanti – scherza Valenti – è stata fortuna e ce lo siamo meritato perché abbiamo fatto un lavoro enorme.Abbiamo trovato una location bellissima e tanti amici di tutte le età pronti a dare una mano. È una soddisfazione enorme e questo cielo sereno ci dà una gran carica”.
Ancora mancano quasi sei ore alla fine di Arezzo Wave ma tra i ragazzi del posto c’è già chi si chiede se il prossimo anno Albergo potrà ospitare un’altra edizione.

“È ancora prematuro anche se non si discute la bellezza della location – ammette Valenti che poi aggiunge. Vi darò uno scoop: se guardiamo qua dietro c’è spazio per contenere anche 80mila persone. Penso che qui potrebbe entrarci anche un concerto di Vasco Rossi. Proseguire ad Albergo? Abbiamo avviato dei contatti con Perugia, ma se le cose vanno per il verso giusto possono nascere tante idee. Nel frattempo ci tengo a ringraziare chi ha creduto in noi perché Arezzo Wave è una struttura impegnativa. Quest’anno è stato po’come se Barcellona fosse andato in ritiro a Foiano e per questo ringrazio il Comune e i ragazzi del posto, tutti i volontari”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0