Prima Pagina | Politica società diritti | Idv a congresso: si vota domenica prossima per eleggere il nuovo segretario nazionale. Ad Arezzo seggio in Via Piave.

Idv a congresso: si vota domenica prossima per eleggere il nuovo segretario nazionale. Ad Arezzo seggio in Via Piave.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Idv a congresso: si vota domenica prossima per eleggere il nuovo segretario nazionale. Ad Arezzo seggio in Via Piave.

 

L’Italia dei Valori prepara il cambiamento e va ad eleggere il suo nuovo segretario nazionale, che dovrà raccogliere la difficile eredità di Antonio Di Pietro, il quale da parte sua continuerà a rappresentare un punto di riferimento del partito mantenendo la carica di presidente.

L’elezione del nuovo segretario avverrà nell’ambito del Congresso nazionale che si aprirà venerdì 28 giugno, alle ore 14.00, presso il Centro Congressi Roma Eventi, piazza di Spagna (Via Alibert, 5),  e proseguirà nelle giornate del 29 e 30 giugno. Le operazioni di voto si svolgeranno on-line dalle ore 8.00 alle ore 13.00 del 30 giugno; gli iscritti al partito avranno la possibilità di sostenere il proprio candidato attraverso un consenso che potrà essere espresso sia attraverso il computer di casa  grazie a un codice d’accesso che verrà distribuito nei prossimi giorni - che facendo ricorso alle sedi regionali e provinciali dell’Italia dei Valori che rimarranno appositamente aperte su tutto il territorio nazionale.

“Ad Arezzo – spiega il Coordinatore provinciale Idv Alessio Tucci - sarà istituito un seggio presso la sede provinciale dell’Italia dei Valori di Via Piave, 28. Quella che ci attende domenica è una grande sfida, per rifondare il nostro Partito e riscrivere la contemporaneità.”

 

“Ci troviamo di fronte ad un passaggio fondamentale per il futuro del partito, un’occasione per confrontarci con i nostri iscritti ed avere da loro indicazioni sulla rotta da tenere attraverso la scelta della nuova segreteria nazionale. Personalmente mi auguro che le operazioni di voto si svolgano nel più rigoroso rispetto delle regole, che non sussistano zone d'ombra - commenta il commissario straordinario dell’Italia dei valori Toscana, Marco Manneschi – e che subito dopo tutto il gruppo dirigente sia chiamato a mettersi al lavoro per affrontare le sfide che ci attendono, affrontando costruttivamente e con proposte fattibili le priorità del paese. Credo anche che le energie non vadano disperse, per cui sono lieto che vi sia una pluralità di candidature per la segreteria, ognuna delle quali espressione di visioni anche un po’ diverse una dall’altra del ruolo dell’Italia dei Valori nell’attuale contesto politico, ma ritengo che dopo il voto si debba comunque operare una sintesi, perché anche chi avrà ricevuto meno consensi verrà chiamato a svolgere un ruolo importante. E' necessario infatti riproporsi come un partito inclusivo, che riesce a superare ogni eventuale divergenza, quando la posta in gioco è molto più alta, come il rinnovamento della politica a servizio di un Paese che ha assoluto bisogno di un rilancio”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0