Prima Pagina | Eventi e spettacoli | VIA MADONNA DEL PRATO, "PICCOLA MONTMARTRE" ARETINA PER UN GIORNO

VIA MADONNA DEL PRATO, "PICCOLA MONTMARTRE" ARETINA PER UN GIORNO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
VIA MADONNA DEL PRATO, "PICCOLA MONTMARTRE" ARETINA PER UN GIORNO

 

 

Domenica 30 giugno prima edizione della festa di strada dedicata all’arte e agli artisti. Negozi aperti con allestimenti speciali in strada; animazioni per bambini, trampolieri e giocolieri, musica dal vivo, estemporanea di pittura, graffiti e laboratori creativi per bambini. Spettacoli di magia e, dalla trasmissione “Italia’s got talent”, lo straordinario mimo non udente Stefano Orselli. Fino al 1° settembre la mostra fotografica dedicata alle opere di “Icastica”.

Anche il centro storico di Arezzo avrà la sua piccola Montmartre, almeno per un giorno. Una strada che pullula di giovani artisti, pittori, musicisti e perfino saltimbanchi. Intorno, tanti locali vivaci dove bere o fare uno spuntino e romantici negozi di abiti, libri e gioielli, fiori e trouvailles.

Accadrà domenica 30 giugno in via Madonna del Prato, in occasione della prima edizione della festa organizzata dalla Confcommercio con il patrocinio del Comune di Arezzo e il coinvolgimento di tutti gli operatori economici.

“Una strada per l’arte” è il titolo dell’evento che dalla mattina alla sera animerà la piccola via parallela a Corso Italia, che negli ultimi anni è riuscita a imporsi come alternativa glamour allo shopping in centro per la particolarità dei suoi negozi, la cura dei dettagli e l’attenta selezione dei prodotti.

Molte le iniziative in programma per la festa, presentate dagli assessori alle attività produttive Paola Magnanensi e alla cultura Pasquale Giuseppe Macrì, dalla presidente della Confcommercio aretina Anna Lapini, dal direttore Franco Marinoni e dall’imprenditrice Mirella Terziani, portavoce dei colleghi di via Madonna del Prato. Saranno proprio i negozi, con l’apertura straordinaria domenicale, a fare da cornice all’evento con speciali allestimenti all’aperto, sorprese e omaggi per i clienti.

Trasformata in un luogo di charme sospeso tra le atmosfere del circo, del teatro e di un atelier d’arte e moda, via Madonna del Prato diventerà una fucina di idee e talenti e si proporrà alla città anche per un legame speciale con “Icastica. Glocal women”, la mostra d’arte contemporanea al femminile in corso ad Arezzo fino a settembre. Sarà infatti inaugurata nella strada una esposizione fotografica dedicata alle opere di “Icastica” raccolte nelle sedi espositive indoor, dunque meno fruibili al grande pubblico. I pannelli di foto resteranno lungo via Madonna del Prato, da piazza Risorgimento a piazza San Francesco, fino al 1° settembre.

“Il tema scelto per la festa di via Madonna del Prato, con i richiami alle atmosfere parigine, rispecchia bene l’identità che gli operatori sono riusciti a dare alla strada, che del resto si presta molto, anche per le dimensioni raccolte, ad eventi particolari, meno gridati ma di grande charme”, ha detto la presidente della Confcommercio aretina Anna Lapini. “D'altra parte, che siano dedicate a un tema gastronomico o a uno culturale, il vero filo rosso che lega queste feste di strada è la volontà dei commercianti di valorizzare i luoghi attraverso le loro imprese, che sono presenza viva e caratterizzante”.

“Via Madonna del Prato è l’esempio di come e quanto le scelte dei singoli imprenditori possano influire direttamente sulla riqualificazione delle strade e di interi quartieri”, ha sottolineato il direttore della Confcommercio Franco Marinoni. “Fino a qualche anno fa la strada era percepita come un ‘parcheggio di servizio’ per Corso Italia, con tutti i disagi che ne conseguivano in termini di vivibilità anche commerciale. Poi c’è stata un’inversione di tendenza: forse perché i fondi qui costavano meno rispetto alla centralissima via dello shopping, fatto sta che ci sono state diverse aperture di negozi, molti dei quali originali e ricercati nelle proposte. Un rifiorire di attività che ha riportato gente in via Madonna del Prato e ha innescato un processo culminato nella parziale pedonalizzazione del tratto inferiore, grazie all’impegno congiunto di Comune e commercianti”.

L'assessore Pasquale Macrì: “non dimentichiamo che questa è una strada lunga per essere in una città medievale. Icastica è nata con lo scopo di rendere il centro storico vivo in un momento in cui i centri storici, in Europa, stanno soffrendo. Quando si è disposti oggi all'acquisto? Quando si è rilassati. Se il centro storico si spenge scatta la depressione, se si accende con queste iniziative diventa luogo di benessere che può oggettivarsi anche nell'acquisto. Icastica non sarai mai una kermesse di arte contemporanea, sennò avrei preso l'area Lebole. Invece l'abbiamo messa in 20 palazzi, chiese e musei aretini. Per dare uno stimolo in più ai turisti e agli aretini di visitare Casa Vasari e il crocifisso di Cimabue”.

L'assessore Paola Magnanensi: “le situazioni si stanno moltiplicando e questo è sintomo che il messaggio e il nostro sforzo sono stati colti. La cultura e le attività produttive non possono andare l'una senza le altre. In questo connubio sta la possibilità di sfruttare ogni iniziativa in senso positivo”.

Mirella Terziani: “avremo finalmente via Madonna del Prato chiusa al traffico per la prima volta. Un nostro storico obiettivo si realizza durante questa giornata”.

Dei tanti mobilitati per la festa di domenica prossima i primi a partire saranno, intorno alle 10, i pittori chiamati dal Cenacolo degli Artisti, che per tutto il giorno cattureranno gli scorci più suggestivi della strada per l’estemporanea di pittura che si concluderà alle 19 con la premiazione delle tre opere più belle. Per gli animi più “rock”, arrivano alle 14.30 anche i graffitari, per realizzare un murales in collaborazione con l’Informagiovani. Sarà in azione anche un caricaturista, per fare scanzonati ritratti estemporanei a chi lo desidera.

Ancora artisti, ma di strada, per le esibizioni itineranti di giocolieri e trampolieri. Per i bambini, oltre alle immancabili animazioni del trucca bimbi e delle sculture di palloncini gonfiabili, arrivano i clown (dalle 16 alle 20) e i laboratori creativi tra arte, letture animate e cucina: presso la libreria La casa sull’albero alle 11.30 “L’atelier di Madame Picassette” per esercitarsi con le visioni cubiste; alle 17.30 la lettura animata de “Il bambino che morse Picasso”. Torna all’opera dalle 15 alle 20 anche la Banda dei piccoli chef, in collaborazione con la Lilt, per imparare a mangiar sano divertendosi.

Alle 18 la performance di Stefano Orselli, il mimo non udente ammiratissimo nel programma televisivo “Italia’s got talent”. Tra gli altri spettacoli da non perdere, quello di magia alle 17, il cocktail musicale alle 19 con il Trio Mozart (pianoforte, violino e violoncello) e l’esibizione di mangiafuoco alle 20.

PITTURA

10.20      estemporanea “Scorci di via Madonna del Prato”

in collaborazione con Cenacolo degli Artisti. Premiazione ore 19. Ai primi tre classificati andrà un buono acquisto da spendere in tre negozi di via Madonna del Prato. Le opere vincitrici saranno esposte nelle vetrine dei negozi di via Madonna del Prato.

 

ARTE CONTEMPORANEA

Dal 30 giugno al 1 settembre

Rassegna fotografica Icastica.

Le opere in mostra in via Madonna del Prato in collaborazione con Comune di Arezzo

 

ARTE E MUSICA

Dalle 19 cocktail e musica dal vivo con il trio Mozart

 

 

ARTISTI DI STRADA

11-13 e 16-20

Giocolieri e trampolieri - truccambimbi e palloncini

in collaborazione con Officine della Cultura

 

11-13 e 16-20 Caricaturista

 

14.30

Graffiti e murales in collaborazione con Informagiovani Arezzo

 

16-20

Clown con giochi e divertimenti vari

 

17

Spettacolo di magia per i più piccoli

 

18

Stefano Orselli - Mimo. Volto di “Italia’s got talent”, nota trasmissione Mediaset

 

20

Spettacolo mangiafuoco

 

ARTE E BAMBINI

11.30 “L’Atelier di  Madame Picassette”

Laboratorio creativo per chi vuole avventurarsi in visioni cubiste!

Presso la libreria La casa dell’albero

17.30 “Il bambino che morse Picasso”

Lettura animata ispirata al libro di Antony Penrose a seguire laboratorio creativo “Ritratti cubisti”. Presso la libreria La casa dell’albero

 

15-20 Banda dei piccoli chef

Laboratorio di decorazione creativa a partire dalle 17.30

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0