Prima Pagina | Politica società diritti | Ponti di corde, liane e discese con carrucole. Ad Agazzi arriva “Sotto Sopra” il primo parco acrobatico di Arezzo

Ponti di corde, liane e discese con carrucole. Ad Agazzi arriva “Sotto Sopra” il primo parco acrobatico di Arezzo

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Ponti di corde, liane e discese con carrucole.  Ad Agazzi arriva “Sotto Sopra” il primo parco acrobatico di Arezzo

 

Già i primi due giorni di apertura e tanto entusiasmo. Un buon battesimo per il Parco avventura “Sotto Sopra” inaugurato presso l'Istituto di Riabilitazione di Agazzi Madre della Divina Provvidenza dei Padri Passionisti.  Di fatto è il primo parco acrobatico della città di Arezzo e rappresenta un ulteriore passo avanti nell'integrazione sociale attraverso lo sport.

Bambini ed adulti, atleti speciali e normodotati potranno divertirsi insieme e misurare le proprie abilità nei quattro diversi percorsi suddivisi per difficoltà, altezza ed età.

Ci sono le carrucole, la liana, i ponti fatti di corde e di reti sospese in aria. A fare da colonna portante ai percorsi gli alberi del bosco che si trova proprio sopra al centro di riabilitazione di Agazzi. Sarà aperto alla cittadinanza, tutti i giorni. Durante la settimana per gruppi e su prenotazione. Il sabato e la domenica dalle 10 alle 19 (con ultimo ingresso alle 17:00).

“Da tanto tempo lo volevamo fare – ha raccontato Anna Verrazzani in rappresentanza del centro di riabilitazione - perché l'istituto non è solo cura, ma può diventare sempre di più luogo anche di divertimento. Lo abbiamo messo a disposizione di All Stars e della cooperativa il Cenacolo per sfruttare al meglio il nostro bosco.”

“Qui ci sono 4 percorsi diversi, alcuni sentieri e un'area ristoro – ha aggiunto Paolo Lucattini di All Stars - Qui attività motorie e sportive si incontrano di nuovo per fornire attività di tempo libero di qualità che può essere vissuto dalle famiglie, dal mondo sportivo, da tutti.”

“E' una bellissima struttura a disposizione della città – ha dichiarato l'assessore allo sport del comune di Arezzo Francesco Romizi – mi sono preso l'impegno di valorizzarlo e di coinvolgere più possibile il mondo delle associazioni sportive aretine.”

 

“Da sempre ci occupiamo dell'inserimento lavorativo di persone con difficoltà – ha raccontato Paolo Marraghini presidente della cooperativa Il Cenacolo -  dopo 26 anni di attività diamo lavoro a 50 persone di cui 29 disabili, speriamo che anche questa nuova opportunità dia un contributo importante per la nostra crescita.”

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0