Prima Pagina | Cronaca | La corte dei conti ha condannato il Sindaco, l' assessore e tutti i consiglieri comunali di maggioranza, a pagare le spese per il campo rom

La corte dei conti ha condannato il Sindaco, l' assessore e tutti i consiglieri comunali di maggioranza, a pagare le spese per il campo rom

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
La corte dei conti ha condannato il Sindaco, l' assessore e tutti i consiglieri comunali di maggioranza, a pagare le spese per il campo rom

La storia: la Edilsantini (ditta di lavori edili aretina) iniziò la costruzione di un area di sosta per i Rom, su incarico del sindaco Ricci. Nel 2006, già in carica la giunta Fanfani, fece un’ulteriore richiesta di pagamento documentando maggiori spese sostenute. Il dirigente Enzo Bianchi valutò i documenti prodotti e stabilì una somma di 66 mila euro da erogare come pagamento finale, a saldo, alla ditta.

Il ricalcolo fu approvato dal consiglio comunale ed erogato. Adesso la corte dei conti ha stabilito che quel debito non si doveva pagare, l’azienda infatti aveva perso il diritto di esigerlo.

A pagare le spese dovranno essere oggi il sindaco Fanfani, l’assessore Dringoli e i due dirigenti Enzo Bianchi e Walter Tirinnanzi, oltre all’ex segretario generale Michele Bello per una quota pari a 9.237 euro a testa. Ma a anche i consiglieri comunali che approvarono la spesa, per un importo pari a 842 euro a testa, ovvero Angiolo Agnolucci, Edi Bacci, Roberto Barone, Marco Bianchi, Mario Bruni, Giuseppe Caroti, Giorgio Del Pace, Ulisse Domini, Stefano Gasperini, Marco Manneschi, Marco Paolucci, Giovanni Pelini, Luigi Polli, Luciano Ralli, Carlo Umberto Salvicchi, Luigi Triggiano, Marco Tulli, Andrea Cutini, Marco Donati, Pasquale Macrì e Pilade Nofri.

I legali del comune hanno annunciato ricorso in appello.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0