Prima Pagina | Eventi e spettacoli | “La Città Invisibile” prende corpo all’Anfiteatro

“La Città Invisibile” prende corpo all’Anfiteatro

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“La Città Invisibile”  prende corpo all’Anfiteatro

Fino al 15 settembre nel giardino antistante il sito

 

Presentata questa mattina in palazzo comunale la rassegna estiva “La Città Invisibile” promossa dall’Associazione Karemaski tutti i martedì, mercoledì e giovedì nello spazio antistante l’anfiteatro romano di via Crispi dal 19 giugno al 15 settembre.

Insieme all’assessore alle politiche giovanili Francesco Romizi, la Presidente dell’Associazione Karemaski Grazia Ricci, il redattore del blog Lapo Gianluca, Roberto Ciofini di Arcigay Chimera Arcobaleno e il direttore artistico della rassegna Marco Gallorini.

“Tengo in modo particolare a questa rassegna - sottolinea l’assessore Romizi – perché unisce una rete culturale molto ampia di realtà del territorio formata da associazioni, imprese, cooperative. Tre mesi di impegno comune nei quali ognuno porta la propria esperienza con temi e attività che seguono durante tutto l’anno. Il tutto grazie al lavoro di tanti volontari impegnati nella mondo della cultura con il sostegno logistico e organizzativo del Comune. 40 serate che ‘vivacizzano’ i giorni centrali della settimana realizzate in collaborazione con circa 30 realtà associative e con alcune tra le principali librerie e case editrici locali. Tra le varie iniziative non mancano incontri ‘politici’ nel senso alto del termine con temi di particolare rilevanza”.

La Città Invisibile” sarà infatti anche uno spazio per parlare di morti bianche, distribuzione indipendente, alpinismo, disabilità, beni comuni, un’oasi verde con cinema, teatro, dj-set, alternati a momenti più leggeri come gli aperitivi di Olga e Albano, i tornei di biliardino, lo scambio di libri attraverso il progetto di bookcrossing.

“Un contenitore aperto – ricorda il direttore artistico della rassegna La Città Invisibile Marco Gallorini. Un modello di fare cultura sostenibile basato sul volontariato che rappresenta anche l’occasione per dare risalto a gran parte delle realtà culturali che caratterizzano il territorio aretino creando una vera e propria rete tra associazioni, “imprese culturali” e gruppi informali. Ci concentriamo nei martedì, mercoledì e giovedì per offrire un punto di riferimento in giorni solitamente ‘vuoti’ di iniziative ed evitando le frequenti sovrapposizioni dei fine settimana. Il calendario per adesso è del solo mese di giugno perché la rassegna è aperta ad altre collaborazioni che potranno ampliarla e farla crescere nei mesi di programmazione. Abbiamo scelto un titolo provocatorio mutuato da Italo Calvino per sollecitare attenzione alle tante realtà culturali del territorio”.

 “La Città Invisibile” prenderà vita tutti i martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 18 con ingresso gratuito a tutti gli eventi.

Le 40 serate de “La Città Invisibile” saranno realizzate in collaborazione con circa 30 realtà associative (tra cui Klang, Mengo Music Fest, Areamista, Arcigay, Nausika, Spazio Seme, ecc.) e con alcune tra le principali librerie e case editrici locali.

Tra gli eventi  già annunciati Wu Ming 1 con il nuovo libro edito da Enaudi “Point Lenana” e Alberto Prunetti a presentare “Amianto” (Agenzia X), i match di improvvisazione con Areamista,  “Clash to Me” la storia di un punk di provincia raccontata da Andrea Merendelli, le proiezioni di film ultraindipendeti come W Zappatore di Massimiliano Verdesca o I REC U di Federico Sfascia, l'evento finale di LaAV,  il più importante progetto italiano di lettura ad alta voce, il ciclo di incontri su temi legati alle diversità di genere organizzati da Arcigay e molto altro.

Il calendario completo è consultabile sul sito www.karemaski.com e alla pagina fb www.facebook.com/lacittainvisibilearezzo

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0