Prima Pagina | Lettere alla redazione | Valdichiana selvaggia...

Valdichiana selvaggia...

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Valdichiana selvaggia...

Buona sera, mi chiamo Federica e vi scrivo per segnalarvi alcuni fatti (già conosciuti) riguardo la zona di Arezzo. Il primo concerne la Valdichiana che è soggetta a speculazioni edilizie anche criminali (che forse conoscerete meglio di me), tra le tante nel Comune di Marciano della Chiana dove, se non erro, sono stati bloccati ben 41 immobili alcuni anni fa.

Immagino che la giunta del sopraccitato Comune sia al corrente dove siano ubicati tali immobili e comunque basta fare un giro per il paese e chiedendo la gente potrà indicarveli (su Google basta digitare camorra Marciano della Chiana).

Credo che sia indispensabile farsi sentire per queste, purtroppo, angoscianti vicende che anni fa sembravano fantascienza in questi luoghi.

Sarebbe bello mettere un cartellone/striscione sugli immobili bloccati con una scritta Via la camorra dalla Valdichiana. Un piccolo gesto, che mi è venuto in mente, che però potrebbe sensibilizzare la popolazione locale ancor più riguardo tale tema.

 Per finire, vorrei inoltre segnalarvi l'angoscioso spettacolo al quale si assiste quasi tutte le sere nella zona tra Ripa dell'Olmo e San Zeno, proprio prima della superstrada che porta, appunto, verso la Valdichiana.

Si tratta di, immagino, prostitute ma io vorresi chiamarle giovani ragazze (presumibilmete dell'est europeo) che rimangono tutte le sere in attesa di qualche cliente. Sono sotto le case ormai, e stanno lì, deduco, anche quando piove e fa freddo. Mi chiedo cosa possa dire una madre che vive lì in zona ai propri figli riguardo l'attività di queste ragazze e soprattuto mi deprime pensare che le vite di queste giovani donne siano, senza ombra di dubbio, in mano a dei criminali.

La cosa più squallida è che vi è anche un chioscho per "ristorarsi" per gli eventuali "clienti". Vi prego, dunque, di considerare anche questa situazione come una possibile notizia o inziativa da far pervenire alla popolazione aretina. Nella speranza di non avervi disturbato vi pongo cordiali saluti,

 

Federica

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0