Prima Pagina | Eventi e spettacoli | Vasari, Piero della Francesca e un… altro Piero: ovvero il Greci

Vasari, Piero della Francesca e un… altro Piero: ovvero il Greci

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Vasari, Piero della Francesca e un… altro Piero: ovvero il Greci

 

Venerdì 17 maggio alle 17,30 presso la sala conferenze della Biblioteca Città di Arezzo, si svolgerà la presentazione del volume “Un altro Piero”, di Filippo Nibbi e Marco Caneschi. Saranno presenti gli autori, la Presidente dell’Istituzione Biblioteca Città di Arezzo Sandra Rogialli e il professor Claudio Sartori che contribuirà a mettere in luce i risvolti di un mistero che, anche dopo secoli, resta pieno di fascino: perché il Vasari non cita la “Madonna del parto” nelle “Vite”? Marco Caneschi e Filippo Nibbi hanno messo in moto una grande squadra per risolverlo: Liletta Fornasari, PierLuigi Puglisi, Fabrizia Fabbroni, Vittorio Dini, Piergiacomo Petrioli, Piero Ricci, Silvia Ronchey, Carlo A. Martigli, Giovanni Nocentini e… Pier Francesco Greci.

Già, il Greci, che torna a parlare, accanto ai prestigiosi collaboratori, attraverso scritti di cui Caneschi e Nibbi erano in possesso. Ne esce un quadro tra verità e trucchi, veli e misteri, segreti di best seller, ipotesi e coincidenze, in cui Vasari è l’intellettuale del regime mediceo, attento a tutte le pieghe del potere, a suo agio nel clima del torbido Rinascimento e Piero della Francesca la quintessenza di una corrente di pensiero che oscilla tra Oriente e Occidente: il neoplatonismo. E visto che da questo cliché culturale si lasciava guidare anche mentre dipingeva la Madonna del parto, qualcuno avrà pensato che di un’opera scomoda è sempre meglio tacere…


  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0