Prima Pagina | Lettere alla redazione | Lettera al direttore. Ma non eravamo ormai finiti?

Lettera al direttore. Ma non eravamo ormai finiti?

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Lettera al direttore. Ma non eravamo ormai finiti?

 

Caro direttore (e cari lettori di Informarezzo), poichè ormai non avrai facilmente il tempo di altrimenti informartene - ti invio una pagina del quotidiano "La Notizia" - l'unico oggi, sia nelle edicole sia in rete - che dia effettivamente la straordinara notizia che il TAR del Lazio abbia intimato all'Autorità Garante delle Comunicazioni di ottemperare a una sua precedente ordinanza a favore degli obblighi di informazione sulle (specie nostre) iniziative. Sulla crisi della giustizia italiana da più di 30 anni in flagrante condizione criminale contro Diritti Umani, Stato di Diritto, e Legalità e Giurisdizioni internazionali.

Il TAR intima all'Autorità Garante di ottemperare alle sue ordinanze entro 30 giorni, a pena di commissionamento ad acta dell'Autorità.

Continueremo a lottare anche su questo secondo nostro fronte, la nonviolenza, legalità, giurisdizioni, per por fine dopo 60 anni, al regime partitocratico per l'obiettivo di uno stato democratico, riformato alla "Radicale".

Pensavano di essersi liberati da noi, il più antico partito nato in Italia, e dalla Resistenza popolare, silenziata (quanto più clamorosa quando ha potuto con i nostri grandi referendum affermarsi con quasi plebisciti).

La nostra "sconfitta" elettorale è stato il risultato dell'antidemocrazia e delle violenze del Regime ormai in putrefazione, senza più speranza.

La nomina di Emma Bonino, voluta da 15 anni dal popolo e dal prestigio internazionale; questa notizia di oggi, dopo che la Giurisdizione europea, e ora quella della Corte Interamericana, su iniziativa della Coscioni con il Partito, lo slancio con il quale dobbiamo ora affrontare le nostre nuove iniziative referendarie, legislative popolari, sono fatti e obiettivi che s'illudevano (e molti anche fra noi, temevamo) ormai eliminati.

Potete cliccare su questo link per leggere il testo dell'ordinanza di sapore storico.

Quanto a me - la vitale nonviolenza, mi consente ve l'assicuro - di avere fame e sete salutari, non pre-occuparti, stasera vò in clinica per altre analisi, sto divenendo un baldo ottantaquattrenne (ad oggi di 75 Kg).

Se vuoi corrispondere a questa lettera, te ne sarò grato.

        Ciao Paolo, stammi bene  


 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0