Prima Pagina | Eventi e spettacoli | L'amore in tutte le sue declinazioni protagonista al Giardino delle IDEE

L'amore in tutte le sue declinazioni protagonista al Giardino delle IDEE

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
L'amore in tutte le sue declinazioni protagonista al Giardino delle IDEE

I baci di una notte è il titolo del nuovo romanzo di Antonella Boralevi.

Un romanzo particolare per struttura narrativa e per tematiche, nonché per l’inaspettato finale.

Antonella Boralevi è prima di tutto una scrittrice per il suo incredibile talento nel narrare storie.

Le parole sono il suo lavoro.

Parole che aprono le cose.

Ha scritto saggi, racconti e romanzi.

Scrive sul Messaggero, Donna Moderna, Oggi e AD.

Ha cominciato il lavoro di giornalista presso l’editore di Vogue nel 1982 e ha tenuto rubriche di costume e critica sociale su La Nazione, Il Resto del Carlino, Chi e Gioia.

Ha scritto reportages di viaggio per Ulisse, Marie Claire, Domus, Gente Viaggi e Anna.

Nel 1999 ha ottenuto il Premio “Giornalista dell’anno”.

Ha inoltre ideato e contatto programma radiofonici e televisivi di successo ed è ospite di molti talk di attualità su Rai, Mediaset e su la 7.

I baci di una notte sarà presentato al Giardino delle IDEE sabato 20 aprile 2013 alle ore 17.00 nella consueta cornice della Sala delle Muse del Museo Nazionale d’Arte Medioevale e Moderna di Arezzo in via San Lorentino, 8 (INFO: 0575 409050) con ingresso libero e gratuito.

Con l’introduzione e moderazione di Barbara Bianconi e le domande di Maria Romagnoli.

Non una come classica storia d’amore – rivisitazione moderna di una delle fiabe più amate ovvero Cenerentola – e neppure il tipico romanzo sentimentale.

Si raccontano sentimenti certo ma anche la negazione degli stessi.

Si racconta di come l’amore possa entrare nella vita di due persone, diversissime in tutto, per condizione sociale, sensibilità, aspettative, rivoluzionando e sconvolgendo le loro vite.

Protagonisti sono due ragazzi, Santina e Sigieri, vent’anni.

Uno scherzo del caso li fa incontrare la notte di Capodanno in un rifugio di Cortina.

Santina è una ragazza semplice, di origini semplici, nata in Sicilia.

Una ragazza dei nostri giorni che vive gli effetti della crisi che sta investendo il nostro paese.

La fabbrica dove lavorava suo padre è chiusa e suo padre – disoccupato - passa il tempo in cerca di un lavoro che non c’è.

Santina è in cerca di un futuro, di una speranza per il domani.

Sigieri invece ha perso la capacità di sognare.

La vita gli ha regalato tutto: bellezza, salute, ricchezza ma anche la noia, l’egoismo e il cinismo.

Avvicina Santina per una scommessa crudele con un amico, fino ad un atto d’amore in cui tenerezza e aggressività si scontrano.

In fondo non si abbandonano mai le persone che si amano.  

E questa è la verità che emerge dolorosa nelle pagine del libro fino all’imprevedibile finale.

Un libro da leggere tutto d’un fiato.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0