Prima Pagina | Eventi e spettacoli | "Le mani addosso". La voce interiore oltrepassa la malattia

"Le mani addosso". La voce interiore oltrepassa la malattia

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
"Le mani addosso". La voce interiore oltrepassa la malattia

Le mani addosso di Paola Nepi Teatro di Bucine Venerdi 12 aprile 2013 ore 21,15 Vi prego partecipate numerosi e diffondete la notizia.E' cosa buona e giusta

Paola Nepi: una scrittrice, una donna eccezionale. Affetta da sclerosi multipla, paralizzata e incapace di parlare, comunica e lavora tramite un computer idoneo. Nata a Montevarchi nel 1942, cresce in una famiglia operaia e già a nove anni comincia a fare i conti con la distrofia muscolare. La forza interiore l'aiuta a vivere con passione. Ma quando la voce si spegne emerge la scrittura, la sua potente voce interiore. L'ultimo lavoro "Le mani addosso” è da lei stessa definito “composizione in forma di monologo da recitare con passione”. Un dialogo intimo, squarciato dalla luce e dal buio, ma mai dalla sconfitta. Ma anche una denuncia a un sistema che difende la vita - "l'involucro" - senza rispettare quella intima, interiore né il suo percorso, negandone la dignità e la presenza. 
“Mi arrivano suoni elettronici e parole sconosciute, ecco chi si anima intorno: macchine e fantesche”. “Suoni, parole e mani straniere su di me che maneggiano il corpo, penetrano l’anima”. “Da allora in poi non ho più contato quante mani profane mi abbiano invasa, sfogliata senza badare al mio cuore”. Sono alcune delle profonde riflessioni del libro ‘Le mani addosso’,

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0