Prima Pagina | Politica società diritti | Ad Arezzo la proposta d’iniziativa popolare per l’Eutanasia Legale. Diretta audio su Radio Radicale

Ad Arezzo la proposta d’iniziativa popolare per l’Eutanasia Legale. Diretta audio su Radio Radicale

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Ad Arezzo la proposta d’iniziativa popolare per l’Eutanasia Legale. Diretta audio su Radio Radicale

Mina Welby, moglie di Piergiorgio,parteciperà alla conferenza stampa di presentazione della raccolta firme, alle 11.30 di giovedì 28 marzo, presso la biblioteca di Arezzo

 

 

 

Dopo aver rischiato l’approvazione di una legge liberticida contro il testamento biologico è venuto ora il tempo di passare all’azione. Il nuovo parlamento, benché la sua composizione sia meno clericale del precedente, non offre garanzie che arriverà a riconoscere la libertà di scelta sulle questioni di fine vita: è un tema “eticamente sensibile”, e troppi politici sono purtroppo assai “sensibili” (per motivi elettorali) alle posizioni delle gerarchie ecclesiastiche sui temi etici.

Chiariamo i termini: Eutanasìa, in greco antico, significa letteralmente buona morte. Oggi con questo termine si definisce correntemente l’interventomedico volto ad abbreviare l’agonia di un malato terminale.

Si parla di eutanasia passiva quando il medico si astiene dal praticare cure volte a tenere ancora in vita il malato; di eutanasia attiva quando il medico causa, direttamente, la morte del malato; dieutanasia attiva volontaria quando il medico agisce su richiesta esplicita del malato.

Nella casistica si tende a far rientrare anche il cosiddetto suicidio assistito, ovvero l’atto autonomo di porre termine alla propria vita compiuto da un malato terminale in presenza di (e con mezzi forniti da) un medico.

Secondo la Chiesa cattolica la vita è stata donata da Dio e solo lui può disporne: ragion per cui l’eutanasia è un omicidio. È al massimo ammessa la fine delle terapie qualora venissero ritenute sproporzionate.

È chiaro che una posizione del genere si pone esclusivamente dal punto di vista del medico, e mai dal punto di vista del paziente sofferente. In passato, anzi, talvolta questa sofferenza era ritenuta un modo di “partecipare” alla passione di Gesù e, ancora oggi, l’Italia è clamorosamente indietro nella somministrazione di morfina ai malati terminali.

Non tutte le chiese cristiane la pensano così: diverse chiese protestanti hanno assunto posizioni più liberali e alcune chiese minori riconoscono apertamente il diritto dell’individuo di disporre della propria vita. Per i valdesi l’eutanasia «è un diritto che va riconosciuto».

I casi che hanno infiammato l'opinione pubblica

Così come succede anche all’estero, il tema dell’eutanasia attira l’attenzione dell’opinione pubblica quando i media portano, con fin troppa dovizia di particolari, alcuni casi in primo piano.

Il 23 maggio del 2000 un giovane di Viareggio ha aiutato il suo amico a farla finita, con una dose di insulina: ora rischia fino a 15 anni, nonostante i genitori stessi del defunto definiscano il suo gesto «un atto di amore».

Negli stessi giorni un uomo di Monza veniva condannato a sei anni e mezzo per avere, due anni prima, staccato i fili che pompavano aria ai polmoni della moglie. Il 24 aprile 2002 il marito è stato però assolto in appello dall’accusa di omicidio volontario premeditato. I giudici hanno infatti stabilito che l’ingegnere Forzatti, staccando la spina del respiratore al quale era attaccato il corpo della moglie, non la uccise in quanto, a loro avviso, la donna era già morta.

Nel maggio 2001, gli ultimi giorni di Emilio Vesce, storico militante radicale, infiammarono la campagna elettorale per via delle dichiarazioni del figlio contro il nutrimento artificiale, «non più attuato come terapia ma come accanimento terapeutico».

Nel settembre 2006 è scoppiato il caso di Piergiorgio Welby, affetto da distrofia muscolare e oramai incapace di muoversi, che ha chiesto al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di poter ottenere l’eutanasia. Il Presidente ha subito invitato le Camere a discutere del problema, ma è rimasto inascoltato. Il successivo 21 dicembre Pietro Welby è morto, scatenando una forte ondata di commozione in tutto il Paese.

Nel luglio 2007 è morto Giovanni Nuvoli, che aveva a sua volta chiesto che gli fosse staccato il respiratore: per impedire che un medico rispettasse le sue volontà erano stati inviati i carabinieri. Nuvoli è stato così costretto, per porre fine alle sofferenze, a non assumere più né cibo né bevande, “lasciandosi morire” di fame e di sete.

Il caso di Eluana Englaro, completamente immobile e priva di coscienza dal 1992, ha tenuto banco per molti anni. Il padre, stanco di vederla tenuta in vita da un cannello nasogastrico (e contro la stessa volontà della figlia, come stabilito poi dalla legge), ha intrapreso diverse iniziative legali per sospendere le cure, senza alcun successo per molti anni. Finalmente, nell’ottobre 2007, la Corte di Cassazione, nel rinviare la questione alla Corte d’Appello di Milano, ha stabilito che l’interruzione delle cure può essere ammessa, quando il paziente si trova in uno stato vegetativo irreversibile e se, in vita, aveva manifestato la propria contrarietà a tali cure. La Corte d’Appello, nel luglio 2008, ha autorizzato il padre di Eluana a interrompere i trattamenti di idratazione e alimentazione forzata: contro il provvedimento è stato presentato un ricorso da parte del procuratore generale di Milano, ricorso poi bocciato dalla Corte di Cassazione. Eluana si è spenta nel febbraio 2009 in una clinica di Udine, dopo che il governo Berlusconi aveva tentato di emanare un decreto legge ad hoc per impedire il compimento dela volontà di Eluana.

Nel novembre 2010, il noto regista Mario Monicelli, affetto da malattia terminale, decise di lanciarsi dal quinto piano dell'ospedale in cui era ricoverato. Esattamente un anno dopo è stato infine l'ex parlamentare Lucio Magri a scegliere il suicidio assistito in Svizzera.

Questi casi, se sono strazianti dal punto di vista di chi ne è coinvolto direttamente, finiscono quanto meno per dimostrare come la legislazione sia assolutamente inadeguata ai tempi.

In Italia chi aiuta un malato terminale a morire, perché lui stesso vuole far valere il proprio diritto a smettere di soffrire, rischia fino a dodici anni di carcere.  Il nostro diritto costituzionale a non essere sottoposti al sopruso dei trattamenti sanitari contro la nostra volontà è costantemente violato.
E' il momento di intrapendere azioni coraggiose. 

Anche ad Arezzo, grazie alla collaborazione fra Arci e LiberAperta, inizia una battaglia per i diritti civili: la battaglia per l’eutanasia legale. Giovedì 28 marzo, nella sala conferenze della Biblioteca “Città di Arezzo”, sarà spiegato alla città e alla stampa come poter sostenere la proposta d’iniziativa popolare per l’Eutanasia Legale.
Saranno presenti Mina Welby dell’Associazione Luca Coscioni e testimonianza vivente dell’autodeterminazione della persona; Donato Caporali dell’Arci; Angelo Rossi di LiberAperta e la direttrice della biblioteca aretina, Sandra Rogialli.
La proposta di legge che i cittadini italiani stanno cercando di presentare in Parlamento, regolerà una volta per tutte l'eutanasia e il testamento biologico nel nostro paese.

Dobbiamo obbligare il Parlamento a discuterla e per riuscirci serve una grande campagna di mobilitazione.
Il primo passo sarà raccogliere le 50.000 firme necessarie per depositarla all’organo legislativo dello stato. Per far questo c’è veramente bisogno dell’aiuto di tutti: dai Consiglieri comunali e provinciali in tutta Italia, i quali hanno il potere (insieme a notai e cancellieri) di autenticare le firme, che di tutti i cittadini che potranno sia firmare, che promuovere quest’iniziativa popolare.
Per raccogliere 50.000 firme, basta che ci sia una persona in ciascuno degli 8.000 Comuni italiani che raccolga almeno sette firme. Questo risultato storico, questa affermazione dei diritti di ognuno di noi, è più vicina di quanto possiamo credere. E’ il momento di dare il tuo contributo.

Il panorama internazionale

AUSTRALIA: in alcuni Stati le direttive anticipate hanno valore legale. I Territori del Nord avevano nel 1996 legalizzato l’eutanasia attiva volontaria, provvedimento annullato due anni dopo dal parlamento federale.

BELGIO: il 25 ottobre 2001 il Senato ha approvato, con 44 voti favorevoli contro 23, un progetto di legge volto a disciplinare l’eutanasia. Il 16 maggio 2002 anche la Camera ha dato il suo consenso, con 86 voti favorevoli, 51 contrari e 10 astensioni.

CANADA: negli Stati di Manitoba e Ontario le direttive anticipate hanno valore legale.

CINA: una legge del 1998 autorizza gli ospedali a praticare l’eutanasia ai malati terminali.

COLOMBIA: la pratica è consentita in seguito a un pronunciamento della Corte Costituzionale, ma una legge non è stata mai varata.

DANIMARCA: le direttive anticipate hanno valore legale. I parenti del malato possono autorizzare l’interruzione delle cure.

GERMANIA: il suicidio assistito non è reato, purché il malato sia cosciente delle proprie azioni.

LUSSEMBURGO: l'eutanasia è stata legalizzata nel marzo 2009.

PAESI BASSI: forse il caso più famoso. Dal 1994 l’eutanasia è stata depenalizzata: rimaneva un reato, tuttavia era possibile non procedere penalmente nei confronti del medico che dimostrava di aver agito su richiesta del paziente. Il 28 novembre 2000 il Parlamento ha approvato (primo Stato al mondo) la legalizzazione vera e propria dell’eutanasia. A partire dal 1° aprile 2002 la legge è entrata effettivamente in vigore.

SVIZZERA: ammesso il suicidio assistito. Il medico deve limitarsi a fornire i farmaci al malato.

STATI UNITI: la normativa varia da Stato a Stato. Le direttive anticipate hanno generalmente valore legale. Nello Stato dell’Oregon il malato può richiedere dei farmaci letali, ma la relativa legge è bloccata per l’opposizione di un tribunale federale.

SVEZIA: l’eutanasia è depenalizzata.

30 anni di (poco) dibattito parlamentare

Il primo parlamentare a presentare una legge per disciplinare l’interruzione delle terapie ai malati terminali è stato nel 1984 Loris Fortuna, già estensore della legge sul divorzio.

Il 13 luglio 2000 lo stesso Ministro per la Sanità Veronesi ha affermato che «l’eutanasia non è un tabù», e che una soluzione al problema deve essere trovata in tempi brevi. Nel frattempo anche il Consiglio Comunale di Torino aveva votato una risoluzione pro-eutanasia.

Nell’agosto 2001 i Radicali hanno presentato una proposta di legge di iniziativa popolare dal titoloLegalizzazione dell’eutanasia.

Nella XIV legislatura sono stati presentati diversi progetti di legge. Segnaliamo le due proposte, una sul testamento biologico e una sulla depenalizzazione dell’eutanasia, promosse dall’associazione LiberaUscita, nonché il disegno di legge promosso dalla Rosa nel Pugno.

Anche durante la XV legislatura sono stati presentati diversi progetti.

Nella XVI, purtroppo, si riscontra un solo progetto,d’iniziativa radicale: molte invece le proposte di segno opposto, sostenute da parlamentari filovaticani, volte soprattutto a contrastare il testamento biologico. 

Nel dicembre 2012 è stata presentata una proposta di legge di iniziativa popolare, promossa dall'Associazione Luca Coscioni.

La raccolta di firme è cominciata il 15 marzo 2013 e terminerà il 15 settembre 2013: non far mancare il tuo appoggio!

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0