Prima Pagina | Lettere alla redazione | Le Banche e...gli Anziani

Le Banche e...gli Anziani

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Le Banche e...gli Anziani

Gentile Direttore,

vorrei raccontare questa storia "piccola-piccola" per dare l'idea di come si svolgono,talvolta,i rapporti tra le banche e...gli anziani
Ieri pomeriggio,ho trovato mia madre,ultraottantenne,tutta indaffarata a cercare ricevute mediche,ticket sanitari e quant'altro da portare in visione,e cito le sue parole,"all'impiegato di banca".
La prima cosa che ho pensato è che fosse "partita di senno" ma,di fronte alle mie domande,la mamma rispondeva in modo lucido e,per quanto possa sembrare strano,perfino convincente.Mi ha spiegato che la banca,presso cui è titolare di un conto corrente assieme a mio padre,non le fa prelevare più di 2000 euro per volta e che,comunque,deve dichiarare a cosa servono questi soldi.Da qui,la necessità di "radunare" spese mediche e quant'altro,per dimostrare che le spese da lei effettuate,sono assolutamente legittime.
Sono rimasta letteralmente allibita.E la tanto sbandierata legge sulla privacy?Voglio dire,è chiaro che questa legge "va a farsi benedire" se un cittadino è tenuto a mostrare all'impiegato di banca,le ricevute comprovanti la "legittimità" delle spese da lui effettuate,in questo caso poi si tratta addirittura di spese mediche,quindi spese "personalissime"!E comunque,possibile che un individuo non sia libero nemmeno di prelevare i soldi,intendo dire,I SUOI SOLDI dalla banca per spenderli come,quando e con chi diavolo gli pare?!!!!
Imbufalita come un diavolo,ho subito telefonato ad un mio amico avvocato il quale mi ha risposto,senza tanto parafrasare,che le argomentazioni della banca non stanno né in cielo né in terra e che mia madre,come qualsiasi altro cittadino,è libera di prelevare dalla banca anche un milione di euro,ammesso,naturalmente,che ce l'abbia.Va da sé che il direttore di banca si è scusato,sostenendo che mia madre non aveva ben capito e che c'era stato un increscioso malinteso.Io non escludo affatto che mia madre,data l'età avanzata,abbia effettivamente frainteso le parole dell'impiegato.E' un fatto però,che una società VERAMENTE CIVILE cerca in ogni modo di aiutare,snellire,facilitare la vita degli anziani,per altro così numerosi nel nostro paese.A tal proposito non posso non far  notare che per una persona ultraottantenne come mia madre,anche recarsi in banca e fare la file e aspettare il proprio turno,può risultare,talvolta,un grande sacrificio.Per questo la ringrazio fin da adesso,Gentile Direttore,se vorrà pubblicare questo breve pezzo e...concludendo,mi permetta una cattiveria,che sicuramente è soltanto una cattiveria..."Perché in banca,quando  depositiamo il denaro non fanno tante storie? Invece quando andiamo a prelevarlo...(e se poi ci son di mezzo gli anziani!!!)"
Lettera Firmata

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0