Prima Pagina | L'opinione | Non voterò Matteo Renzi perchè...

Non voterò Matteo Renzi perchè...

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Non voterò Matteo Renzi perchè...

Sono di destra, quindi non mi sembra giusto esprimermi su una valutazione che riguarda gli elettori di un'altra area.

 

 

 

In cuor mio, lo ritengo meno sporco del gruppo dirigente del suo partito. Mi viene in mente un nome a caso: D'Alema. Credo che la vittoria di Renzi porterebbe più voti alla sua coalizione, ma non faccio tifo.

Io preferisco Fini a molti altri esponenti politici: non è il massimo, ha fatto errori e continua a farne; nella scelta delle persone che gli stanno accanto ha un record negativo, dai cosiddetti colonnelli (La Russa, Storace, Gasparri) a parenti ed affini; inoltre gli manca la presenza di Almirante.

Recentemente ho visto qualcuno che può aver ragione a fischiare Gianfranco Fini.  Alle esequie di Pino Rauti, qualcuno coi capelli bianchi ha fischiato Fini quale esponente politico, non quale Presidente della camera.  Coloro che hanno vissuto gli anni del dopoguerra scegliendo il Movimento sociale come loro partito e che hanno visto in quel tipo di politica la risposta al loro modo di essere, coloro che hanno -al pari di Rauti- ritenuto il superamento del Msi in Alleanza nazionale come un'autocritica, essi hanno diritto di fischiare Fini.

Ai funerali erano presenti alcuni giovani nel gruppetto del centinaio di irriducibili nostalgici: ho visto saluti romani con una movenza da stadio, a conferma che alcuni di questi contestatori che fanno attualmente riferimento alla destra radicale italiana non hanno vissuto il travaglio degli anni di piombo. Imbecilli che aggrediscono i tifosi di una squadra inglese in trasferta a Roma.

Vorrei ricordare come negli anni '70 e '80 per un giovane esistevano due posizioni: il Pci con le sue propaggini estreme ed il Msi  di Almirante. Io sono fra quelli che scelsero allora di votare Msi, patria ed onore non erano, e non sono per me oggi, parole prive di significato.

Non giudico la scelta di Rauti e di Almirante -hanno vissuto un momento storico incomprensibile con gli attuali strumenti di analisi- e comprendo la contestazione che alcune persone con i capelli bianchi hanno effettuato nei confronti di Fini, pur scegliendo un'occasione ed un metodo sbagliato.

Ma certo spero riesca a dare una prospettiva alla destra liberale italiana, mi dispiace che alle parole di apertura nei confronti di Alfano e di coloro che all'interno del Pdl vogliono il superamento dell'era berlusconiana sia seguito un rifiuto; continuo a sperare in un movimento politico che nulla condivide con il Partito democratico e con alcuni personaggi che aleggiano in questo momento politico/elettorale italiano.

Meglio ancora se Fini si facesse poi da parte per un leader donna, vedi la Bongiorno. Ho molta fiducia e stima nelle donne italiane.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0