Prima Pagina | Politica società diritti | CNA: “LE IRREGOLARITÀ DEVONO VENIRE AL PETTINE”

CNA: “LE IRREGOLARITÀ DEVONO VENIRE AL PETTINE”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
CNA: “LE IRREGOLARITÀ DEVONO VENIRE AL PETTINE”

Denunciate le aperture irregolari alla domenica. Chiesti controlli

 

“Chiediamo alle autorità di esercitare i dovuti controlli per il rispetto delle norme e della regolare concorrenza – afferma Luca Bichi, Presidente di CNA Benessere Arezzo. Stiamo assistendo ad ormai frequenti aperture domenicali di negozi di acconciatura sia ad Arezzo che in altre realtà della provincia. Ci riferiamo, ovviamente, non alle aperture in deroga ma a quelle che vengono fatte abusivamente quando tutti gli esercizi dovrebbero rimanere chiusi”.

La richiesta di controlli è emersa nel corso dell’ultima assemblea degli acconciatori e delle estetiste aderenti a CNA. “La crisi aggrava i problemi di tutti – afferma Bichi. Il rispetto delle regole è quindi, oggi più che mai, fondamentale. Non possono essere consentite aperture in spregio delle norme e in danno degli operatori che lavorano rispettando pienamente le norme”.

L’obiettivo è quello di continuare a garantire, da parte degli operatori professionali, servizi di qualità ai cittadini: “nei modi e nei tempi che possano conciliare le esigenze di tutti. Noi stiamo facendo il massimo sforzo possibile e ci prepariamo, ad esempio, a chiedere due aperture straordinarie durante le festività natalizie e di fine anno in giorni che sono oggettivamente strategici”. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0