Prima Pagina | Politica società diritti | PIENA SOLIDARIETA’ A D’ANGELO DA NICOTRA (FDS) IL LAVORATORE ARETINO PESTATO A ROMA DURANTE LO SCIOPERO GENERALE

PIENA SOLIDARIETA’ A D’ANGELO DA NICOTRA (FDS) IL LAVORATORE ARETINO PESTATO A ROMA DURANTE LO SCIOPERO GENERALE

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
PIENA SOLIDARIETA’ A D’ANGELO DA NICOTRA (FDS) IL LAVORATORE ARETINO PESTATO A ROMA DURANTE LO SCIOPERO GENERALE

 

“Voglio esprimere la mia totale solidarietà al lavoratore aretino Massimo D’Angelo. Tutto il mondo ha potuto vedere la violenza gratuita che ha subito dalle forze dell’ordine a Roma quando era bloccato a terra. Colpi di manganello ripetuti sul volto, un incredibile accanimento verso un lavoratore che manifestava per i propri diritti” E’quanto afferma, in una dichiarazione, Alfio Nicotra, capogruppo provinciale della Federazione della Sinistra alla provincia di Arezzo.

“Il 14 novembre è arrivata dalla polizia del governo Monti – prosegue Nicotra – si è scatenata una violenza inaccettabile contro studenti, precari e lavoratori scesi in piazze a salvaguardia dei diritti fondamentali che questo governo vuole cancellare. E’ un governo autoritario che non accetta il dissenso, che prende ordini direttamente da quelle banche e speculatori che hanno provocato la crisi. Il tentativo di criminalizzare il movimento operato nei giorni successivi sulla stampa sta rapidamente smontandosi. Chi crede di poter affrontare il malessere sociale provocato dalle proprie politiche con la repressione e la criminalizzazione si sbaglia di grosso”.

“Il gruppo consiliare della Federazione della Sinistra – conclude Nicotra – oltre che esprimere solidarietà a Massimo D’Angelo e alla sua famiglia, chiede che sia immediatamente sospeso dal suo incarico il poliziotto che si è accanito selvaggiamente sul volto di Massimo.”

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0