Prima Pagina | Politica società diritti | RISCHIO IDROGEOLOGICO, “DIROTTARE I FONDI PER L’ALTA VELOCITÀ”

RISCHIO IDROGEOLOGICO, “DIROTTARE I FONDI PER L’ALTA VELOCITÀ”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
RISCHIO IDROGEOLOGICO, “DIROTTARE I FONDI PER L’ALTA VELOCITÀ”

Locci, “Convertire i tre miliardi di euro destinati al sottoattraversamento di Firenze per la messa in sicurezza del territorio”

 

“I fondi per la messa in sicurezza del territorio? Ci sono, basta sapere dove cercare. Dalla sospensione del progetto del sottoattraversamento fiorentino dell’Alta Velocità potremmo ricavare un tesoretto da almeno 1,5 miliardi di euro da destinare alla prevenzione del rischio idrogeologico in Toscana”. A suggerirlo è il consigliere regionale Dario Locci (Gruppo Misto).

“Mai come adesso – prosegue Locci – è necessario razionalizzare la spesa pubblica, concentrando le risorse sulle priorità. La sicurezza dei cittadini è una priorità, scavare un tunnel sotto Firenze, invece, è un’opera di dubbio valore e senza dubbio troppo onerosa rispetto al beneficio”.

“Considerato l’incremento delle spese in fase di realizzazione – aggiunge il consigliere – è altamente probabile che il sottoattraversamento ci costi fino a 3 miliardi di euro. Senza contare il fatto che questa opera metterebbe la città di Firenze ancor più in pericolo dal punto di vista proprio dell’assetto idrogeologico”.

“La Toscana ha riportato danni per almeno mezzo miliardo, solo in seguito all’ultima ondata di maltempo: quanti interventi potremmo portare a termine con 3 miliardi di euro? Mi auguro che il Governo rimetta in discussione il sottoattraversamento fiorentino – conclude Locci - e prenda in considerazione soluzioni alternative più economiche. E auspico che la Giunta regionale solleciti a sua volta questa decisione”.  

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0