Prima Pagina | Lo Sport | Revocate le porte chiuse. Contro il Deruta i tifosi sugli spalti. Macellari, due turni

Revocate le porte chiuse. Contro il Deruta i tifosi sugli spalti. Macellari, due turni

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Revocate le porte chiuse. Contro il Deruta i tifosi sugli spalti. Macellari, due turni

La Corte di giustizia federale ha parzialmente accolto il ricorso d'urgenza presentato dall'Arezzo e ha rideterminato la sanzione con l'inasprimento della multa, passata da 2mila a 4mila euro. Invariate le squalifiche degli allenatori Balbo (tre turni) e Bacis (due turni). Decisiva la ricostruzione dei fatti post Viterbese elaborata dalla società amaranto, che ha smentito in più punti il referto dell'arbitro Zanonato di Vicenza

Articolo qui

 

 


La Corte di giustizia federale ha revocato il provvedimento della partita a porte chiuse nei confronti dell'Arezzo. L'udienza decisiva si è svolta stamattina a Roma, dove si sono presentati il segretario Andrea Buratti, il team manager Daniele Diomede e il legale GiulioCiabattini. La Corte ha commutato la sanzione in un'inasprimento dell'ammenda, salita da 2mila a 4mila euro. Restano invariate le squalifiche per gli allenatori Balbo (tre turni, due da scontare) eBacis (due turni, uno da scontare). Contro il Deruta quindi il pubblico avrà libero accesso allo stadio.

Il ricorso d'urgenza dell'Arezzo è stato l'unico a venire parzialmente accolto dai giudici, che invece hanno respinto gli altri cinque all'ordine del giorno. Decisiva (e credibile) la ricostruzione dei fattirelativa al post Viterbese portata dalla società amaranto all'attenzione della Corte. Il referto dell'arbitroZanonato di Vicenza, sulla base del quale il giudice sportivo aveva determinato le sanzioni, è stato smentito e smussato in più punti. Ed è stata sottolineata la sproporzione tra i fatti accaduti e la pena inflitta della gara a porte chiuse. La Corte, sulla base del ricorso, ha quindi deciso di inasprire la multa, raddoppiandola, e ripristinare una maggiore equità. 

E comunque, anche in una giornata che sembrava positiva, il giudice sportivo ha trovato modo di calcare la mano. Davide Macellari, espulso domenica a Piancastagnaio, è stato squalificato per due giornate per intervento falloso nei confronti di un calciatore avversario in reazione. L'intervento falloso, come si evince anche dalle immagini della tivù, in realtà è semplicemente una spintarella senza conseguenze. Peggio è andata al terzino della Pianese, Francesco Gagliardi, espulso insisme a Macellari. A lui il giudice ha affibbiato tre turni di stop per aver colpito con uno schiaffo al volto un calciatore avversario.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0