Prima Pagina | Arte e cultura | Valigia a doppio fondo. Mostra di pittura di Lilia Manneschi e Renato Marzocchi

Valigia a doppio fondo. Mostra di pittura di Lilia Manneschi e Renato Marzocchi

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Valigia a doppio fondo. Mostra di pittura di Lilia Manneschi e Renato Marzocchi


 

Sabato 3 novembre 2012, alle ore 18, alla Villicana D’Annibale Galleria D’Arte di via Cavour 57, ad Arezzo, si inaugura la mostra di pittura di Lilia Manneschi e Renato Marzocchi dal titolo Valigia a doppio fondo. L’esposizione, a cura di Danielle Villicana D’Annibale, ospiterà una selezione di opere recenti. La mostra proseguirà, a ingresso gratuito, fino a mercoledì 14 novembre 2012.

Lilia Manneschi e Renato Marzocchi sono una coppia di pittori che fanno della passione il loro biglietto da visita. Due figure che esprimono con il colore le riflessioni sul senso della vita, figlie di una maturità raggiunta prima di tutto nella sfera affettiva.

Entrambi hanno saputo dedicarsi con entusiasmo, negli ultimi anni, alla ricerca di una cifra stilistica personale. Ammirevoli nel loro avvicinamento all’arte contemporanea, sono diversi nello stile ma simili nell’intrigante leggerezza e nella curiosità per tutto ciò che può suggerire nuove soluzioni artistiche.

I delicati dipinti di Lilia portano in dote considerazioni femminili. Le opere sono frutto di un’attenta osservazione del mondo circostante, di una fervente immaginazione e della voglia costante di sperimentare e sfidare le regole.

Il mondo pittorico di Renato, invece, è connotato da una forte espressività nel linguaggio cromatico e da una dinamicità nella resa delle forme. Nelle tele si respira la gioia innocente e contagiosa che l’atto creativo dà all’artista.

Come ha scritto Mario Belardi nella critica per il catalogo della mostra, nelle opere di Lilia Manneschi si coglie, già a un primo impatto visivo, la presenza di un accurato descrittivismo lirico di gusto romantico. Nei suoi quadri appaiono figure immerse nel mistero che le avvolge e le consegna alla nostra attenzione suscitando, in noi, emozioni profonde.

Riguardo la produzione di Renato, lo stesso Belardi afferma che è caratterizzata da plasticità e movimento, da luci e ombre che sanno parlare alla fantasia e al cuore di uomini viventi sotto cieli diversi e animati da culture differenti. 

Come fosse una valigia a doppio fondo, dove all’interno dello stesso bagaglio si può mettere di tutto e mantenere separati gli oggetti, la vita di coppia di Lilia e Renato contempla due progetti artistici paralleli, a volte intersecanti, dai quali al momento giusto i due artisti sanno tirare fuori intime impressioni e ricche  esperienze per condividerle con gli altri. 

 

Breve biografia:

Lilia Manneschi nasce ad Arezzo nel 1948. Il suo percorso artistico inizia alla fine degli anni Novanta, quando comincia a tradurre in colori e forme quel mondo fantasmagorico che si porta dentro da una vita. La frequentazione della scuola di Luciano Radicati rafforza in lei quel magico connubio di fantasia e tonalità.

Insieme al marito Renato Marzocchi, di un anno più grande, nel 2002 frequenta il corso di pittura di Monica Gori e Caterina Puletti, altra tappa di crescita artistica importante.

Dal 2011 la coppia frequenta la scuola “Disegno/Nudo/Arezzo RADAR” condotta da Enrique Moya Gonzalez presso il Liceo Artistico di Arezzo.

Negli ultimi dieci anni Lilia e Renato hanno partecipato a mostre e concorsi sia in Italia sia all’estero.

I due fanno parte del Cenacolo degli Artisti Aretini. Con gli altri soci del gruppo pittorico espongono ogni prima domenica del mese e sabato precedente, durante la Fiera Antiquaria di Arezzo.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0