Prima Pagina | Politica società diritti | Scuole al freddo? Nelle scuole elementari del Comune, riscaldamenti spenti o per poche ore

Scuole al freddo? Nelle scuole elementari del Comune, riscaldamenti spenti o per poche ore

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Scuole al freddo? Nelle scuole elementari del Comune, riscaldamenti spenti o per poche ore

Dichiarazione di Daniele Farsetti (Movimento 5 Stelle Arezzo)

 


Ci arrivano segnalazioni che in alcune scuole elementari del Comune di Arezzo non sono entrati in funzione i riscaldamenti. Oppure che gli stessi restano accesi solo per tre ore nell’arco della giornata. Ci sembra alquanto discutibile visto che nelle scuole stesse i bambini frequentano il tempo pieno e dunque la loro permanenza si protrae fino a pomeriggio inoltrato.
Sulla problematica presenterò un’interrogazione in Consiglio Comunale ma da subito voglio capire se c’è un nesso tra questa inefficienza e i 25.000 euro destinati alla manutenzione delle scuole elementari comunali. Ebbene sì, è la misera cifra messa a bilancio dall’amministrazione per questa voce, a dire il vero leggermente ritoccata al rialzo in sede di ultimo assestamento. Comunque sempre troppo poco, a fronte di spese superflue che spiccano per la loro inutilità. L’elenco sarebbe lungo ma su tutte non possono passare inosservati i 470.000 euro di premio di produttività per i dirigenti o i 75.000 euro stanziati per la distribuzione del mensile Aerre. 
Ma capisco come sia sempre meglio trovare risorse per un foglio di propaganda che per la manutenzione di scuole materne ed elementari, per la quale avevamo proposto di aumentare gli stanziamenti con una serie di emendamenti che la maggioranza ci ha puntualmente bocciato
.

Non risultano segnalazioni

In relazione al comunicato stampa di un consigliere comunale, l’Amministrazione comunale ricorda che gli impianti di riscaldamento nelle scuole sono stati attivati nella giornata di ieri. E’ risultato solo un blocco alla caldaia nell’immobile di via Cesti e i tecnici sono intervenuti per la risoluzione del problema. Per quanto riguarda le scuole elementari, all’Ufficio Patrimonio sono giunte solo due segnalazioni, anche in questo caso per blocchi alla caldaia, da parte dei dirigenti scolastici. E’ inoltre attivo un numero verde per contattare direttamente la ditta che si occupa degli impianti. Infine, quanto al riferimento ai 25.000 euro citati nel comunicato, l’Amministrazione precisa che questa cifra è relativa esclusivamente alla manutenzione ordinaria e non contempla le spese di riscaldamento che sono ovviamente aggiuntive.

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0