Prima Pagina | Politica società diritti | L’assessore ai trasporti Luca Ceccobao risponde alle richieste dei pendolari di Arezzo e Val di Chiana: NIET !

L’assessore ai trasporti Luca Ceccobao risponde alle richieste dei pendolari di Arezzo e Val di Chiana: NIET !

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
L’assessore ai trasporti Luca Ceccobao risponde alle richieste dei pendolari di Arezzo e Val di Chiana: NIET !

 

NO alla richiesta di trovare le risorse per evitare l’aumento di biglietti e abbonamenti, razionalizzando il Memorario che ancora presenta treni doppioni e quindi duplicazioni di costi per tali treni.

NO alla richiesta di una diversa modulazione dell’aumento del 10% per i biglietti e del 20% per gli abbonamenti in modo che il maggior costo non gravi su studenti e lavoratori (già gravati dagli aumenti di tutti i costi che devono i fuori sede), ma sui viaggiatori occasionali.

NO alla richiesta di innalzare la soglia di esenzione dall’aumento fissata in 36.000,00 euro di reddito familiare determinato in base ai criteri ISEE, sostenendo che il 70% dei pendolari è al di sotto di tale soglia.

Ai pendolari non risulta verosimile tale percentuale e temono che, in questo periodo di difficoltà economica generalizzata, l’aumento colpirà molti più lavoratori e studenti di quanto previsto dall’assessore a cui chiedono da dove nasce questo dato. Per tali motivi, il sistema di doppia tariffa con l’esenzione ISEE come attuato dalla Regione appare tutt’altro che equo.

L’Assessore dichiara, inoltre, di essere intervenuto presso Trenitalia per mantenere l’attuale orario dell’IC 589, che oggi, da Firenze CM alle 18:06, ferma ad Arezzo alle 18:35 e che, a Dicembre, sarà anticipato nel primo pomeriggio, rendendolo inutilizzabile per i pendolari, ricordando che compito della Regione è quello di preoccuparsi dei treni regionali ed interregionali già presenti.

Altro NO, quindi, alla richiesta di sostituire l’IC589, in caso di suo spostamento dalla fascia pendolari, con un treno regionale, attualmente non esistente nell’orario, con medesime caratteristiche di orario e tempi di percorrenza tra Firenze e Arezzo e fermate anche in Val di Chiana.

Un’ulteriore proposta potrebbe essere quella di sostituire il regionale veloce delle 16,55 (che i pendolari chiamano Ceccobao Epress) nella fascia delle 18:00, molto più utilizzata dai viaggiatori della precedente, in modo che il collegamento veloce tra Firenze Arezzo e Val di Chiana, realizzato da questo treno, possa essere utilizzato da un maggior numero di persone, senza lasciare sguarnita la precedente fascia oraria che sarà arricchita proprio dall’IC589.

I pendolari hanno inviato le proprie richieste anche al Presidente della Commissione Trasporti del Consiglio Regionale e ai capogruppi dello stesso Consiglio, ma ad oggi nessuna risposta dal versante politico.

I pendolari aretini e della Val di Chiana, Lunedì 29 Ottobre convocheranno un assemblea alle ore 21 e 30 presso i locali del dopolavoro ferroviario di Arezzo per discutere della risposta ricevuta e prendere iniziative per difendere il loro futuro di viaggiatori, come quella della adesione ad un Comitato di pendolari unitario per la Toscana.

I COMITATI PENDOLARI DI AREZZO E VAL DI CHIANA

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0