Prima Pagina | Politica società diritti | I SINDACI: NUOVE ACQUE, UN PERCORSO CONDIVISO E LE SFIDE CHE CI ATTENDONO

I SINDACI: NUOVE ACQUE, UN PERCORSO CONDIVISO E LE SFIDE CHE CI ATTENDONO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
I SINDACI: NUOVE ACQUE, UN PERCORSO CONDIVISO E LE SFIDE CHE CI ATTENDONO

Oggi è stato eletto il nuovo CdA e il Presidente di NUOVE ACQUE Spa, favorevole il 92.6% del capitale presente.


Nuove Acque è una società di importanza fondamentale per il nostro territorio: la società ha adesso un assetto con cui potrà affrontare nel migliore dei modi le sfide che ci attendono per quanto riguarda il settore delle risorse idriche, sia a livello locale che regionale. La decisione finale è il frutto di un percorso che è stato portato avanti in modo coordinato e condiviso. Le figure scelte per il CDA sono tutte in possesso delle caratteristiche di sensibilità, esperienza, competenza e qualità richieste per un ruolo così rilevante. Il Comune di Arezzo, che aveva espresso nelle riunioni preliminari dei Sindaci il consenso a questo percorso, impossibilitato ad essere presente all’assemblea, come aveva già annunciato, ha delegato il comune di Castiglion Fiorentino indicando in via provvisoria la figura del proprio Segretario Generale, in attesa della nomina definitiva.
Il rappresentante in CDA della Valdichiana è espressione di quelle forze politiche che hanno anche espresso valutazioni diverse, negli ultimi periodi, sulla gestione pubblica di una risorsa importante come l’acqua.
Per noi Sindaci è importante fissare le priorità su cui sarà necessario basare le linee di indirizzo e sviluppo della futura gestione: Continuare a mantenere la società sana dal punto di vista dell'assetto economico Gestire il servizio e la risorsa idrica in modo coerente con quanto espresso dalla stragrande maggioranza della popolazione italiana nei Referendum che chiede che il controllo e la gestione dell’acqua sia di responsabilità pubblica
Mettere in atto ulteriori ingenti investimenti in reti e depurazione, così da offrire un servizio sempre più diffuso, omogeneo e di qualità, evitando lo spreco di risorse.
Ripartire i costi in maniera equa,con politiche che non siano volte al profitto, ma al risparmio della risorsa.
Fare azioni che vadano a modulare le tariffe sui bisogni basilari dei cittadini, tenendo conto delle famiglie con redditi più bassi e prevedendo vantaggi per tutti i cittadini che si dimostrano virtuosi nell'uso dell'acqua
I Sindaci dei Comuni di Cortona, Bucine, Castiglion Fiorentino, Laterina, Poppi, Stia, Castel San Niccolò, Montemignaio, Monte San Savino, Lucignano, Civitella in Val di Chiana, Castiglion Fibocchi, Marciano

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0