Prima Pagina | Politica società diritti | Francini: “la vicenda Nuove Acque conferma che Fanfani è solo, il Pd diviso e la città allo sbando”

Francini: “la vicenda Nuove Acque conferma che Fanfani è solo, il Pd diviso e la città allo sbando”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Francini: “la vicenda Nuove Acque conferma che Fanfani è solo, il Pd diviso e la città allo sbando”

Dichiarazione del capogruppo PdL, Francesco Francini

 

 

 

Un uomo solo ma non più al comando. Anche l’ultima vicenda che ha visto il Sindaco di Arezzo uscire politicamente con le ossa rotte dalla battaglia per le nomine in Nuove Acque, conferma la totale assenza di governo della nostra città e l’altrettanto totale incapacità di tutelare gli interessi di Arezzo da parte dell’intera classe dirigente del PD, Sindaco Fanfani in testa.

La sonora bocciatura della candidatura del “bravo” Giuseppe Caroti, che si è chiamato fuori una volta venuta meno l’ipotesi della Presidenza e la conseguente nomina (per giunta a tempo determinato a causa di una palese incompatibilità che la legge farà scattare dal gennaio 2013), fatta all’ultimo minuto del Segretario Generale del Comune di Arezzo, oltre che far emergere eccezionali profili di inopportunità politica, manifestano una gestione della città ormai allo sbando.

Ma davvero tra i 100.000 aretini non c’era qualcuno che avesse curriculum e caratteristiche tali da andare a fare l’amministratore a tempo pieno e con pieni poteri di Nuove Acque, che tanto pesa sulle tasche degli aretini? La battaglia  senza quartiere tra il Sindaco ed il proprio partito non sta producendo rinnovamento ma solo danni per Arezzo che ha bisogno di essere guidata, con idee nuove e con uno sguardo rivolto al futuro, non certo di una continua resa di conti tutta interna alla sinistra. Ma queste primarie tutte nostrane quando finiranno?

 

Il commento di Francesco Conti Coordinatore Comunale PDL

FANFANI SCHIAFFEGGIATO DAI SINDACI ! PER NUOVE ACQUE VOLEVA L’AVVOCATO CAROTI MA L’ASSEMBLEA ELEGGE PAOLO NANNINI

SE HA CORAGGIO, FACCIA SALTARE TUTTO CON LE SUE DIMISSIONI

Uno schiaffo anzi, una vera Mazzata quella che i sindaci compattamente hanno dato in faccia al Sindaco Fanfani, quando hanno scelto Paolo Nannini come Presidente di Nuove Acque

Ma come, dice il Coordinamento Comunale di Arezzo del PDL, per giorni il nostro Sindaco con cipiglio da rottamatore, aveva puntato su Giuseppe Caroti, è la persona adatta, diceva ai quattro venti, è l’uomo giusto

Infatti il nuovo Presidente da oggi si chiama Paolo Nannini.

L’unico rappresentante di Arezzo è il Segretario Generale del Comune, incredibile!.

Il Segretario Generale del Comune di Arezzo entra nel Cda di una partecipata dello stesso comune nel quale lo stesso segretario svolge anche funzioni di controllo, ed esprime pareri di regolarità anche su delibere ed atti di giunta e consiglio.

Qui siamo in un altro ordinamento, e l'opportunità politica non esiste: ormai siamo alla lex mercatoria della politica

Non ci sono parole, o siamo di fronte ad un primo cittadino vittima di una generazione politica che non si fa rottamare oppure siamo di fronte ad un Sindaco che ha tentato di fare il rottamatore perché è oggi di moda, ma poi è stato richiamato all’ordine ed ha fatto subito marcia indietro.

Infatti se veramente Fanfani volesse assurgere a Leader,dopo questa ignobile figuraccia,dovrebbe mettere sul tavolo le sue dimissioni e far saltare il banco, ma sappiamo che questo non lo farà mai

Le vere vittime sono da un lato il povero Avvocato Caroti, che è stato sbattuto qua e la senza rispetto e poi sonoramente “trombato” e i cittadini della Provincia di Arezzo che invece di trovare risparmi in bolletta, continuano a mantenere con i propri salari strutture costosissime e totalmente politicizzate come questa

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0