Prima Pagina | Territori | CASTIGLION FIORENTINO, LA SERRATA DEI COMMERCIANTI: “NO AI PARCHEGGI A PAGAMENTO”

CASTIGLION FIORENTINO, LA SERRATA DEI COMMERCIANTI: “NO AI PARCHEGGI A PAGAMENTO”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
CASTIGLION FIORENTINO, LA SERRATA DEI COMMERCIANTI: “NO AI PARCHEGGI A PAGAMENTO”

Straordinaria partecipazione degli operatori di Castiglion Fiorentino alla serrata della categoria promossa da Confcommercio

 

Adesione compatta alla serrata da parte di tutti gli operatori castiglionesi che hanno sfilato in corteo contro la decisione dell’Amministrazione Comunale di mettere a pagamento i parcheggi di tutte le aree a più alta densità commerciale. Il responsabile della Confcommercio Stefano Scricciolo: “una risposta senza precedenti da parte della categoria. Ma le risposte del Sindaco non ci soddisfano: ribadiamo all’Amministrazione di ritirare il bando di gara per l'affidamento della gestione dei parcheggi, di concertare una nuova sistemazione delle aree di sosta, anche nel centro storico cittadino, sempre più penalizzato”.

Si sono riversati in centinaia nella strade di Castiglion Fiorentino per manifestare il loro dissenso contro la riforma dei parcheggi voluta dal Comune. E a giudicare dal calore e dal numero di commercianti che hanno fatto sentire la loro voce la serrata ha colpito nel segno.

Tantissimi gli operatori che hanno chiuso le proprie attività per dare forza alla protesta della categoria che ha partecipato compatta alla serrata del commercio promossa dai commercianti di Castiglion Fiorentino sotto l’egida della Confcommercio della provincia di Arezzo.

Un successo senza precedenti con tutte le attività imprenditoriali chiuse, dai negozi posizionati all’interno delle mura a quelli che si trovano nelle zone esterne, come viale Mazzini, piazza della stazione e via Madonna del Rivaio. Tutti uniti per un unico obbiettivo: dire no ai parcheggi a pagamento!

Chiaro e deciso il messaggio degli operatori, che con striscioni e slogan, hanno lanciato un ultimo disperato appello all’Amministrazione Comunale: “Con le ultime decisioni in materia di sosta e parcheggi il Comune ha deciso di dare un colpo mortale al commercio e al centro storico di Castiglion Fiorentino – hanno affermato Anna Buracci e Stefano Scricciolo, rispettivamente presidente e responsabile della Confcommercio di zona – siamo qui oggi perché non possiamo accettare che centinaia di attività e di famiglie, che vivono grazie al lavoro dei negozi al dettaglio, ricevano un simile trattamento. Se tutti gli operatori della città sono arrivati a promuovere la serrata è un segnale evidente di come le decisioni del Comune siano gravemente dannose per la categoria” 

Chiaro il riferimento alla mancata concertazione del Comune in materie così delicate per il commercio cittadino, come sosta e parcheggi. “Con la serrata di questa mattina abbiamo ribadito al Sindaco Bittoni la necessità di ritirare il bando di gara per l'affidamento della gestione dei parcheggi e di concertare una nuova sistemazione delle aree di sosta insieme alla categoria – ha affermato Stefano Scricciolo - Non vogliamo dire dei “no a priori” ma ci sembra opportuno ridiscutere insieme all’Amministrazione una riforma così complessa e delicata per il futuro delle nostre attività e del nostro centro storico”.

Il corteo, partito alle 8.30 da piazza dalla stazione, si è mosso fino a piazza del municipio per un sit-in di protesta di fronte al Palazzo Comunale, dove i rappresentanti della categoria hanno incontrato Guido Albucci, assessore al Turismo del Comune. Poi il breve incontro con il Sindaco Bittoni che, fermo nelle sue posizioni, ha ribadito la sua chiusura nei confronti di una rivisitazione della sosta e dei parcheggi nel centro storico cittadino. “E’ la conferma che al Sindaco non interessa il destino di centinaia di attività commerciali e ricettive e che la riforma dei parcheggi è una misura pensata esclusivamente per fare cassa. Un ennesimo balzello a cui francamente diciamo basta! – continua Scricciolo - Ci aspettavamo un segnale democratico del Sindaco, un segnale di apertura nei confronti di centinaia di operatori che hanno rinunciato all’incasso di un’intera mattinata per gridare il loro dissenso. Continueremo comunque a ribadire le nostre posizioni, perché crediamo che queste misure siano fortemente inique non solo per il commercio ma per tutta la città di Castiglioni”, conclude Scricciolo, “è un provvedimento infatti che penalizza tutti, non solo il commercio.”.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0