Prima Pagina | Salute e sanità | Con la carta sanitaria elettronica si accede anche ai propri atti giudiziari

Con la carta sanitaria elettronica si accede anche ai propri atti giudiziari

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Con la carta sanitaria elettronica si accede anche ai propri atti giudiziari

Gli avvocati potranno consultare la cancelleria telematica. Un servizio in più, utile a cittadini e professionisti. Campagna di attivazione dentro il Tribunale

 

AREZZO - E alla fine anche la carta sanitaria elettronica finisce in … tribunale. Ma non per rispondere di qualche reato o illecito, ma per facilitare la vita personale e professionale di una vasta platea di soggetti che a vari titolo gravitano del mondo della giustizia. E non di meno dei cittadini che vedono ampliare lo spettro delle prestazioni che possono ottenere da questo strumento che già da quasi due anni è nelle loro mani.

Ricordiamo però che ad oggi ancora meno del 40% ha attivato la carta.

E’ noto che al suo interno c’è un microchip che consente agli operatori di leggere il fascicolo sanitario e agli stessi cittadini, con l’utilizzo di un lettore di smart card che la Regione diffonde ad un prezzo di 4,20 euro, di accedere ai propri dati anche in proprio da casa.

Ma finalmente si sta sviluppando una grande opportunità.

La Regione Toscana, nell'ambito del Progetto Carta Sanitaria Elettronica ha previsto uno specifico servizio, indirizzato da un lato al mondo forense e dall'altro lato anche al singolo cittadino, denominato “cancelleria telematica”. Questo servizio consiste nello sviluppo delle potenzialità  di un sistema di archiviazione telematica dei documenti giudiziari che permette a tutti gli operatori della giustizia (avvocati, giudici, cancellieri) di ricevere on line e gratuitamente le comunicazioni provenienti dagli uffici  giudiziari (comprese le sentenze) ed agli avvocati di poter  leggere gli atti dei giudizi civili e penali a cui sono interessati.

Strumento necessario alla suddetta visualizzazione è la propria Carta Sanitaria Elettronica la quale, una volta attivata dall'Azienda Usl, può essere utilizzata come una smart-card che, una volta introdotta in un lettore collegato al pc, consente l'accesso ai dati sopra descritti.

Contemporaneamente anche il singolo cittadino ha la possibilità di accedere on line non soltanto ai propri dati sanitari personali, ma anche agli atti, sentenze comprese, dei giudizi che lo riguardano, con notevoli vantaggi in termini di risparmio di tempo e anche di denaro da parte dello stesso. Infatti  ogni copia di atto giudiziario potrà essere dal cittadino consultata e stampata (ovviamente il documento non avrà valore legale) senza che lo stesso debba sostenere il pagamento dell'imposta di bollo prevista per la richiesta di rilascio di ogni singola copia.

In virtù di queste potenzialità, la Asl e l’ordine degli avvocati hanno avviato una collaborazione per rendere facile l’attivazione degli avvocati, ma anche di tutti gli altri operatori che gravitano nel palazzo di giustizia.

L’ordine degli avvocati hanno portato avanti una campagna di sensibilizzazione fra i propri iscritti. Così ospiterà nei propri uffici personale della asl che in giorni e date precise sarà a disposizione per l’attivazione della carta. In Valdarno un primo passaggio è gia avvenuto. Mentre a sansepolcro  la postazione della asl sarà attiva lunedi 22 ottobre, dalle ore 09.00 alle ore 12.00, nella Sezione distaccata del Tribunale in Piazza Garibaldi 1.

Poi Arezzo, martedi 23 e mercoledi 24 ottobre dalle ore 09,00 alle 12,00 al secondo piano del Tribunale, presso la Segreteria dell’Ordine degli avvocati.

Per l’attivazione è necessario presentare la propria tessera sanitaria elettronica e un documento di identità valido.



  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0