Prima Pagina | Lettere alla redazione | Perchè non mi candido alla successione di Papa Ratzinger

Perchè non mi candido alla successione di Papa Ratzinger

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Perchè non mi candido alla successione di Papa Ratzinger

 

In questi tempi confusi e concitati, di attacco spudorato a ciò che la Chiesa millenaria rappresenta tra gli uomini, desidero sgomberare il campo dalle interpretazioni malevole, dai "si dice" e dai "pare che": non ho la minima intenzione di succedere al caro Joseph Ratzinger al soglio pontificio e ne darò schematicamente ragione.

1) La mia missione pastorale di pizzaiolo non è ancora terminata.

2) Trovo la posizione, detta "il missionario", troppo limitante in ambito sessuale.

3) In Vaticano non si riesce più a trovare personale decente.

4) I vestiti vanno bene per un gay pride, ma sono impossibili nella vita di tutti i giorni ( per la tiara poi ci vuole un collo da lottatore).

5) Da quando ci sono gli antibiotici, il mestiere del pastore è diventato complicatissimo, aridatece le pestilenze!

6) Senza deterrenza nucleare, andateci voi a trattare con le altre super potenze.

7) Quando erano tutti analfabeti, il gregge era più facile da guidare, ora è un casino ognuno vuol dire la sua.

8) Ma l'avete vista Tv 2000? Una revolverata ai coglioni! Ci vorrebbe Freccero a dirigerla.

9) Radio Maria mi fa interferenza con Radio Deejay.

10) Già col lavoro che faccio adesso c'ho tutti i fine settimana lavorativi, figuriamoci da Papa.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0