Prima Pagina | Politica società diritti | Oltre 5 mila presenze, al parcheggio Eden, per la prima giornata della Fiera Nazionale del Commercio Equo e Solidale, “Tuttaunaltracosa”.

Oltre 5 mila presenze, al parcheggio Eden, per la prima giornata della Fiera Nazionale del Commercio Equo e Solidale, “Tuttaunaltracosa”.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Oltre 5 mila presenze, al parcheggio Eden, per la prima giornata della Fiera Nazionale del Commercio Equo e Solidale, “Tuttaunaltracosa”.

 

 

Buona risposta da parte degli aretini, e non solo, per la prima giornata della diciottesima edizione della Fiera Nazionale del Commercio Equo e Solidale “Tuttaunaltracosa”.

Oltre 5 mila presenze che hanno colorato  per tutto il giorno il parcheggio Eden, per l’occasione diventato punto di incontro di tante storie di lavoro solidale da tutto il mondo, le stesse che sono dietro ai circa 10 mila prodotti di artigianato, presenti tra gli stand che fino a domenica 30 resteranno aperti dalle 9 di mattina fino a sera. Cento espositori che tra convegni, dibattiti, mostre e animazioni, aspetteranno chi vorrà acquistare prodotti, davvero particolari.

Una Fiera che ha un carattere di solidarietà molto preciso, guardando, purtroppo anche alla recente tragedia del terremoto in Emilia, come è stato ribadito durante l’inaugurazione ufficiale di ieri pomeriggio. “La Fiera ha un connotato davvero particolare quest’anno, che va addirittura al di là delle storie di solidarietà dietro ai tanti prodotti presenti. – ha spiegato la responsabile organizzativa della manifestazione, in rappresentanza anche di Assobottege, Maria Teresa Pecchini – Prova ne è il sostegno che daremo alla ricostruzione delle 4 botteghe di Cento, Mirandola, Guastalla e Cavezzo, andate distrutte durante la recente tragedia emiliana”.

Insomma tante storie dentro un'unica storia di solidarietà, racchiusa nel significato stesso del commercio equo e solidale. “Tutti gli aretini che arriveranno in Fiera durante il week end, avranno l’occasione di conoscere i progetti di solidarietà dietro ad ogni singolo prodotto. – Ha aggiunto Carlo Simonetti di Oxfam Italia – Chi verrà al nostro stand, ad esempio, potrà con pochi euro acquistare una stuola di seta che andrà a sostenere i produttori del Vietnam”.  Tante idee per acquisti davvero particolari. Un’occasione unica, per conoscere le sto­rie di lavoro e le espe­rienze di vita che cos­ti­tu­is­cono il vero pat­ri­mo­nio del com­mer­cio equo e solidale.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0