Prima Pagina | Eventi e spettacoli | Confartigianato presenta il "Festival della Persona" al Prato di Arezzo. Dedicato al Welfare

Confartigianato presenta il "Festival della Persona" al Prato di Arezzo. Dedicato al Welfare

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Confartigianato presenta il "Festival della Persona" al Prato di Arezzo. Dedicato al Welfare

In una tensostruttura appositamente allestita al Prato, sta per iniziare il Festival della Persona. Un'occasione speciale per aprire il dibattito e promuover un confronto attivo sui temi del sociale e del welfare, a partire da una visione che pone la persona al centro.

 

L’edizione di quest’anno, che ha per titolo “Welfare un costo o una leva per lo sviluppo della comunità?”, intende porre la questione di quale possa essere il welfare del futuro e di come questo possa diventare sempre più un’occasione per favorire la crescita delle persone e della comunità.

Il tema si pone in continuità con la prospettiva delineata nelle precedenti edizioni, secondo cui è possibile superare il welfare state, per avviarsi verso un welfare comunitario e sussidiario, caratterizzato dal protagonismo delle forze sociali e dei soggetti intermedi interessati.

Queste le direttrici che saranno sviluppate nella tre giorni di Arezzo:

Welfare, dove e quando 

Saranno approfonditi alcuni aspetti di contesto, tra i quali l’evoluzione del quadro demografico, l’idea di uno sviluppo che metta in valore il “fattore umano”, il progetto di istituzioni che siano maggiormente espressione delle persone e delle comunità a cui appartengono.

Welfare, quanto e come 

Sarà definito un quadro qualitativo e quantitativo del nuovo welfare, ponendo attenzione al welfare contrattuale per le piccole imprese, alle esperienze di welfare dal basso e alle iniziative di welfare municipale.

Welfare e Confartigianato 

Le trasformazioni del welfare richiedono la consapevolezza della necessità di attivare una riflessione anche sulla nostra organizzazione e sui processi da attivare.

Welfare e futuro 

Verrà aperto un confronto qualificato fra studiosi, rappresentanti della società, del mondo economico e delle istituzioni per delineare possibili scenari da costruire insieme.

Il Festival della Persona di Confartigianato sarà anche occasione di dialogo con il territorio: incontri con persone significative, visite alla città per nuovi punti di vista, momenti di intrattenimento, allestimento di una mostra fotografica "Famiglie Insieme" per parlare a tutti attraverso splendide immagini.

Le parole chiave di quest’anno sono sostanzialmente tre: welfare, sviluppo, comunità, strettamente interconnesse fra di loro. Un profondo ripensamento del welfare chiama infatti  ad una riconsiderazione dell’idea di sviluppo e alla ri-costruzione di un più vitale e coeso tessuto comunitario.

La questione del welfare, ovvero la questione di cosa possa/debba intendersi per ben-essere dell’individuo, non è più oggi solo di pertinenza dello Stato (welfare state), inteso principalmente come correttivo pubblico alle esasperazioni individualistiche del mercato, ma è ormai diventato tema di cui i singoli e le formazioni sociali e i corpi intermedi debbono preoccuparsi.

28 settembre ore 17.00  TENSOSTRUTTURA - Il Prato di Arezzo  INCONTRO CON  Corrado Passera - Ministro dello Sviluppo

Il welfare pubblico è entrato, in tutti i paesi in cui era istituzione portante per il benessere, in una crisi non transitoria, ma endemica. Ciò vale anche per il nostro paese dove è diffusa l’insoddisfazione per la sua attuale configurazione;  per molte ragioni, fra cui due  vanno sottolineate: il disallineamento fra prestazioni di welfare e nuovi rischi e bisogni sociali e la carenza di risorse e i crescenti vincoli macroeconomici. In altre parole. Una parte significativa degli interventi che rispondono a bisogni sociali e sanitari delle persone trova la propria collocazione al di fuori dell’alveo pubblico (si pensi anche solo al fenomeno delle badanti, oramai strutturale, e più in generale alla spesa della sanità “out of pocket”).

Il modello statalista di welfare, strutturalmente legato all’offerta, appare incapace di leggere i cambiamenti antropologici e sociali. Si tratta allora, anzitutto, di mettere in valore e di dare maggiore organicità a quanto in tema di nuovo welfare sociale è in atto (e non è poco); il Festival, a questo riguardo, proverà a fare una mappatura di quanto di più significativo si muove: dal welfare contrattuale, al micro welfare, al welfare municipale, …, ma non mancherà neppure di contribuire alla ricerca e alla costruzione di un nuovo modello che, occorre esserne pienamente consapevoli, richiede non piccoli aggiustamenti, ma un cambio di paradigma.

Un modello che potremmo definire personalista e comunitario al contempo, che richiede una visione delle politiche che sappiaSala bastioni di S. Spirito  “PERSONE NEL MONDO DEL CALCIO”  Bruno Pizzul - Giornalista sportivo RAI orientare il bisogno verso un sistema delle risposte più governato e guidato, che perciò, tenga logicamente insieme i meccanismi della domanda e dell’offerta dei servizi.

Ma il “welfare che verrà” va costruito, ne siamo consapevoli, in un contesto di straordinaria trasformazione culturale, sociale ed economica. La “grande contrazione” in atto, come la definisce acutamente il sociologo Mauro Magatti, sta accelerando processi di revisione delle aspettative soggettive e lifestyles, mettendo in discussione l’idea di sviluppo che in tutti questi anni ha dominato, nonché il concetto di ben-essere.

Sono tutti questi i temi che, con il dovuto rigore e la necessaria passione, il Festival della Persona edizione 2012, intende affrontare e sui quali “persone” autorevoli ci daranno una mano.

GIOVEDÌ, 27 SETTEMBRE

INCONTRI PRE-FESTIVAL - (Riservati al Sistema Confartigianato)

Ore 10.30

ANAP- ANCoS

Auditorium Ducci - P.zza della Libertà

CAAF

Comune di Arezzo, sala Consiglio - P.zza della Libertà

INAPA

Comune di Arezzo, sala Giostra del Saracino - P.zza della Libertà

Ore 11.30

CONSULTA DEI SEGRETARI DI CONFARTIGIANATO IMPRESE

Banca Etruria, sala Formazione - C.so Italia 134

IL PROGRAMMA

Ore 15.00

TENSOSTRUTTURA - Il Prato di Arezzo

INAUGURAZIONE UFFICIALE

Natalino Giorgio Guerrini - Presidente Nazionale di Confartigianato Imprese

Saluti delle Autorità locali, Rappresentanti di Istituzioni, Enti

Ore 16.00

PRESENTAZIONE PROGRAMMA 4° EDIZIONE

Sandro Corti - Coordinatore Nazionale Confartigianato Persone e del Festival

Ore 16.15 - 18.15

I CONTESTI DI RIFERIMENTO

Per ripensare l'idea di welfare è premessa indispensabile la considerazione dei fattori di contesto, a partire dall'evoluzione del quadro socio demografico e dei tradizionali confini fra stato, economia e società.

Si intende anche proporre una riflessione su possibili nuove modalità di sviluppo e nuove istituzioni che partano dalle persone e dalle comunità.

Moderatore

Francesco Riccardi - Capo redattore “Avvenire”

“UN QUADRO DEMOGRAFICO PREOCCUPANTE:

RICADUTE SUL FUTURO DEL WELFARE, CONDIZIONI PER NUOVI INDIRIZZI”

Massimo Livi Bacci - Docente di Demografia, Università degli Studi di Firenze

"RIDISEGNARE I CONFINI TRA STATO, ECONOMIA E SOCIETA':

PROVE DI INNOVAZIONE SOCIALE"

Adriana Luciano - Direttore Dipartimento Scienze Sociali, Università degli studi di Torino

“UNA RICONSIDERAZIONE DELL’IDEA DI SVILUPPO”

Mauro Magatti - Preside Facoltà di Sociologia, Università Cattolica di Milano

“PER ISTITUZIONI PIÙ ESPRESSIVE DELLE PERSONE E DELLE LORO COMUNITÀ”

Andrea Simoncini - Docente di Diritto Costituzionale, Università degli Studi di Firenze

Ore 18.15 - 18.45

DOMANDE E INTERVENTI DEI PRESENTI - Feed-backs e risposte

Ore 21.00

VISITA GUIDATA (Numero chiuso)

Con la guida del professor Ruggero Martines l'opportunità di guardare con occhi nuovi una selezione fra le più significative opere d'arte della città.

Selezione di opere d’arte della città di Arezzo con

Ruggero Martines - Docente di Museografia e Museotecnica, Pontificia Università Gregoriana

Un'incursione in due mondi attraenti, quello dello sport professionistico e della cucina locale, per esplorarne i legami con le persone e i loro valori, raccontati da due noti giornalisti del settore.

Sala bastioni di S. Spirito

“PERSONE NEL MONDO DEL CALCIO”

Bruno Pizzul - Giornalista sportivo RAI

Provincia, sala dei Grandi - P.zza Libertà

“CUCINA, TERRITORIO E PERSONE”

Paolo Massobrio - Giornalista Enogastronomico de "La Stampa" e "Vita"

 

VENERDI’, 28 SETTEMBRE

 

Ore 9.30 - 13.00

TENSOSTRUTTURA - Il Prato di Arezzo

“IDEE, ESPERIENZE, SFIDE PER UN NUOVO WELFARE SUSSIDIARIO”

Nel progetto di un nuovo welfare, che sappia diventare una leva per lo sviluppo comunitario, rivestono un ruolo importante le esperienze positive fin qui condotte. Il loro racconto e la loro analisi ha il fine di fornire ispirazioni per il futuro e proporre strade possibili in ambiti diversi, dalle piccole imprese, al credito, al welfare municipale.

Moderatore

Riccardo Bonacina - Direttore di “VITA”

ESPERIENZE E IDEE DI WELFARE CONTRATTUALE PER LE PICCOLE IMPRESE

Carlo Dell’Aringa - Docente di Economia politica, Università Cattolica di Milano

Giorgio Merletti - Vicepresidente Vicario Confartigianato Imprese con delega politiche sindacali

Gigi Petteni - Responsabile Welfare Cisl Nazionale

ESPERIENZE DI MICRO WELFARE

Stefano Arduini - Giornalista di “VITA”

IL MUTUALISMO NEL CREDITO: I CONFIDI

Andrea Bianchi - Presidente Comitato Esecutivi “Federfidi”

ESPERIENZE IN ATTO DI WELFARE MUNICIPALE

Lorenzo Guerini - Delegato Anci politiche Welfare

Virginio Brivio - Sindaco di Lecco

Ore 14.45 - 16.30

FOCUS-GROUP

PER PENSARE E RINNOVARE LA PRESENZA DI “CONFARTIGIANATO” E DEI SOGGETTI ORGANIZZATI DI CONFARTIGIANATO PERSONE.

SOGGETTI ASSOCIATIVI ANAP - ANCoS

Auditorium Ducci - P.zza della Libertà

SOGGETTI INTERMEDIARI CAAF - INAPA

Sala biblioteca - Via dei Pileati 8

SOGGETTI DELLA RAPPRESENTANZA CONFARTIGIANATO IMPRESE

Comune di Arezzo, sala Giostra del Saracino - P.zza della Libertà

Ore 17.00

TENSOSTRUTTURA - Il Prato di Arezzo

INCONTRO CON

Corrado Passera - Ministro dello Sviluppo

Il Ministro dello sviluppo incontra i protagonisti del Festival della Persona: un rilevante contributo istituzionale al dibattito sulla stretta connessione tra sviluppo e welfare e sulla loro evoluzione nell'immediato futuro.

Ore 21.30

P.ZZA SAN JACOPO

FANTOMATIK ORCHESTRA

Spettacolo musicale per le vie del centro storico di Arezzo

La street band toscana animerà la serata con le sue musiche funky, soul e rhytm'n'blues, suonate da un vivace ensemble di tredici professionisti.


SABATO, 29 SETTEMBRE

Ore 09.30 - 12.30

TENSOSTRUTTURA - Il Prato di Arezzo

“PER UN WELFARE LEVA DELLO SVILUPPO”

Il dibattito sul futuro del welfare si conclude con un interessante dialogo tra rappresentanti di mondi diversi, in un confronto attivo e ricco di spunti concreti e operativi, che possa divenire premessa per le prossime azioni da mettere in campo.

Moderatore

Walter Passerini Giornalista de “La Stampa” e curatore de "Tuttolavoro"

“RIDURRE IL WELFARE ATTUALE O INVESTIRE IN NUOVI PARADIGMI DEL WELFARE DEL FUTURO?”

Franca Maino - Direttore Progetto “Percorsi di secondo Welfare“ Università degli studi di Milano

“WELFARE E SVILUPPO: UNA ESPERIENZA EUROPEA”

Phillip Blond - Fondatore di ResPubblica e ispiratore delle Politiche della Big Society

“LE FONDAZIONI BANCARIE, DA SOGGETTO DELLA BENEFICENZA AD ATTORE DI UN NUOVO

MODELLO SOCIALE”

Giuseppe Guzzetti - Presidente “Fondazione Cariplo”

“VERSO UN NUOVO WELFARE: OLTRE LA SEPARAZIONE FRA PROFIT E NON PROFIT”

Andrea Olivero - Portavoce Forum Terzo Settore

“SE IL WELFARE DEVE ESSERE UNA RISORSA PER UNA NUOVA IDEA DI SVILUPPO”

Johnny Dotti - Presidente di Welfare Italia

Ore 12.30

CONCLUSIONI E SALUTI

Cesare Fumagalli - Segretario Generale di Confartigianato Imprese

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0