Prima Pagina | Politica società diritti | Arezzo al centro della cooperazione tra Europa e America latina

Arezzo al centro della cooperazione tra Europa e America latina

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Arezzo al centro della  cooperazione tra Europa e America latina

L’assessora Stefania Magi alla conferenza internazionale di Firenze

 

Arezzo si conferma uno dei protagonisti della cooperazione tra Europa e America Latina. L’assessora Stefania Magi ha partecipato al seminario che, promosso dalla Regione Toscana, si è tenuto a Firenze, Iniziativa proposta dal Comune di Arezzo e alla quale hanno collaborato Oxfam Italia, ARCI Toscana, Associazione Coopera, Associazione Medina, Centro Studi Politiche Internazionali, Circondario Empolese Valdelsa,  Istituto Italiano Latino Americano. 

Partendo dalle esperienze e dai risultati ottenuti negli ultimi anni, il seminario è servito a tracciare i contenuti del nuovo ciclo di programmazione europea.

“Quella che abbiamo di fronte - commenta Stefania Magi – è una sfida e un’importante occasione di riflessione che il Comune di Arezzo condivide con i partner del programma Urbal che si avvia alla sua conclusione. I fondi che l’Italia destina alla cooperazione sono progressivamente sempre più esigui e la tendenza dell’Unione Europea è quella di ridurre gli stanziamenti nei paesi a medio reddito. Tra quelli dell'America Latina, molti sono emergenti, ad alto tenore di sviluppo ma con diseguaglianze spesso estreme, con milioni di persone sotto la soglia della povertà. Il tema di fondo è la modalità che scegliamo per reagire alla crisi prima finanziaria e poi economica, che rischia di diventare devastante sul piano sociale. Difendiamo l'esistente o proviamo ad allargare l'accesso ai diritti, alle opportunità? Aprire e garantire i diritti vuol dire muovere la società, il mercato, liberare energie creative, costruire il futuro”.

Arezzo coopera con i paesi dell’ America Latina dal 1998.

“I nostri insegnanti – ricorda l’assessore Magi -  hanno portato nelle scuole dell'infanzia e primaria il metodo Montessori  che ha fortemente condizionato la politica educativa nazionale dominicana; abbiamo supportato con formazione ed assistenza tecnica 2000 piccoli produttori di caffè; ingegneri ambientali del nostro territorio hanno portato attività di formazione di protezione civile. E poi il programma Urbal, il progetto "La basura sirve” (la spazzatura serve) finalizzato allo sviluppo del ciclo di rifiuti in città dell'America Latina, che è stato anche presentato nel convegno internazionale sui rifiuti solidi (ISWA) a cui ha partecipato il ministro dell'ambiente Clini.

Si tratta di progetti di condivisione di buone prassi finalizzati a facilitare lo sviluppo del paese ricevente, che hanno ricadute positive anche nel nostro territorio dove siamo impegnati a far crescere il coordinamento tra istituzioni locali e soggetti economici”.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0