Prima Pagina | Politica società diritti | Dini, Polcri e Maggini ( Risveglio e Progresso) sul caso scuola dopo l’articolo di stampa del 15 settembre apparso su La Nazione

Dini, Polcri e Maggini ( Risveglio e Progresso) sul caso scuola dopo l’articolo di stampa del 15 settembre apparso su La Nazione

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Dini, Polcri e Maggini ( Risveglio e Progresso) sul caso scuola dopo l’articolo di stampa del 15 settembre apparso su La Nazione

Anghiari – “ Il Sindaco toglie il sabato alle scuole per risparmiare meno di ventimila euro, ma spende al contempo quasi centoventimila euro sul fronte neve per la spalatura di neanche ottanta km di strade del territorio “

 

Queste le dichiarazioni del Consigliere Comunale di Risveglio e Progresso per Anghiari, Alessandro Polcri , che ribatte sulla scelta fatta dall’amministrazione La Ferla di far chiudere “le scuole, al sabato” “per risparmiare – così si legge nell’intervista rilasciata a La Nazione dal Sindaco La Ferla - sul costo del riscaldamento, dei trasporti, dell’elettricità“.

“ Non c’è che dire – continua Polcri – l’ennesimo esempio di come “non si dovrebbe amministrare un paese". Non ho parole. Si sta facendo una politica di bilancio con due pesi e due misure. Da un parte di toglie risorse dall’altra si fa spesa “facile”.”

Il consigliere di minoranza e componente della commissione bilancio, Polcri, si spinge oltre e indica anche una possibile soluzione: “ Basterebbe tagliare in parte la spesa sul capitolo “emolumenti Sindaco e assessori” che l’Amministrazione troverebbe i soldi per mantenere le scuole aperte anche il sabato. La verità - conclude Polcri – è che il Sindaco ha fatto la spending review sui servizi essenziali ma si è dimenticato di fare la “revisione delle spesa” sui costi della politica”.

Il consigliere Claudio Maggini rincara la dose: “Quella della chiusura delle scuole al sabato , altro non è che un “pagliuzza”, sul lato del contenimento delle spese. Serve solo al Sindaco per giustificare gli aumenti, esosi , del carico fiscale sul contribuente anghiarese su Imu e addizionale Irpef . Che ricordo essere nell’ordine di 500.000 euro di nuove tasse che il contribuente dovrà pagare da settembre a dicembre dell’anno in corso”

Interviene sul caso scuola anche il capogruppo Sandro Dini: “Altro che spending review, quella del Sindaco è “finanza creativa”. Nel senso che non si è mai visto un amministratore che per risparmiare venti mila euro in bilancio, li sottragga tutti dal capitolo scuola. E per giunta se questo amministratore si professa di “sinistra”. Ma siamo sicuri – ironizza Dini – che quelli che gli anghiaresi hanno votato alle passate elezioni siano amministratori di sinistra? No, perchè qualche dubbio, io, inizio a nutrirlo!!

E poi : Come è possibile – chiosa Dini – che anche l’assessore Ricceri, sempre attento alle tematiche del sociale e della scuola, abbia avallato una simile operazione che neanche il peggior contabile poteva mettere in campo”.

 

Gruppo Risveglio e Progresso per Anghiari

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0