Prima Pagina | Eventi e spettacoli | Delirio nelle città d’Italia: anche ad Arezzo tutti in strada

Delirio nelle città d’Italia: anche ad Arezzo tutti in strada

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Delirio nelle città d’Italia: anche ad Arezzo tutti in strada

 

 

Cori, clacson, bandiere, spumante. Questi gli ingredienti di una serata di ordinaria follia. Ubriachi di gioia per la vittoria dell’Italia contro i favoriti panzer tedeschi, che diciamolo, sono scesi in campo con la paura di perdere, ed hanno perso.  

Perché questa non è una partita qualsiasi: questa è la partita. Per qualunque tifoso di calcio, ovunque nel mondo, quando si pensa alla università del calcio, si pensa a Italia-Germania. Inutile ricordare che a Città del Messico, ancora si può ammirare la lapide in memoria di questa partita, fin dal 1970.

Ed allora sia festa, perché questa sia la festa delle feste. Una festa che ha come simbolo la pelle nera di Mario Balotelli: un italiano vero.  Valga per  Mario la mitica frase che Nicolò Carosio rivolse a Gigi Riva nel '70: la perla nera del calcio italiano

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0