Prima Pagina | Arte e cultura | FABRICA: mostra personale di Roberto Dragoni

FABRICA: mostra personale di Roberto Dragoni

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
FABRICA: mostra personale di Roberto Dragoni

A cura della storica e critica d’arte Susanna Buricchi in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Spettacolo del Comune di Arezzo - 30 giugno-12 agosto 2012 inaugurazione sabato 30 giugno ore 18.30, Palazzo Chianini Vincenzi ,via Cesalpino 15 AREZZO - orario: dal venerdì alla domenica 16.30-19.30/ in concomitanza con la Fiera Antiquaria apertura anche la mattina sabato e domenica 10.30-12.30 per info: Ufficio Cultura, Via Bicchieraia 26 AREZZO tel 0575377506

 

Il progetto che dà vita alla mostra è la ricerca dell’artista sul tema dell’ età postindustriale, ovvero l’epoca contemporanea. Il caso ha voluto che Dragoni si trovasse in Giappone con la sua famiglia al momento del disastro della centrale nucleare di Fukushima.

 Questo evento catastrofico  è stato lo spunto iniziale per un lavoro di ampio respiro portato avanti nell’ultimo anno (2011-2012) in dipinti e opere grafiche sul tema dell’ambiente, della sua trasformazione dovuta all’uomo, sul declino industriale delle economie avanzate e sulle tracce visibili che rimangono di questo mondo recente che tuttavia non esiste più. Sono i limiti dell’industrializzazione i temi sui quali i lavori di Dragoni ci invitano a riflettere. In maniera a volte scioccante l’artista rappresenta gli effetti disastrosi della radioattività sugli animali nel disastro nucleare in Giappone per poi arrivare ad una realtà più prossima, la sua e la nostra. Anche una città come Arezzo, prospera fino a poco tempo fa grazie alla rapida industrializzazione del dopoguerra, è in forte crisi d’identità. Dragoni s’ interessa ai relitti di questa civiltà industriale in via di estinzione, è affascinato dalla Tesar storica fabbrica produttrice di turbine elettriche e dalle vite di uomini e donne di cui la fabbrica ha segnato il corso. Le macchine industriali in disuso, i torni e le turbine elettriche, i loro meccanismi complessi e misteriosi e gli spazi ampi e silenziosi della fabbrica hanno ispirato i lavori grafici e pittorici di Dragoni e lasciano aperta la domanda sul futuro che vogliamo.

Roberto Dragoni, vincitore per ben 2 volte delle ultime edizioni della “Vetrina del Premio Arezzo” è un’ artista, pittore e scultore nato ad Arezzo nel 1977 che vive tra la Toscana e il Giappone. Diplomatosi all’Accademia di Belle Arti di Firenze e vincitore di una borsa di studio ha usufruito di un atelier messo a disposizione dalla scuola d’arte per 5 anni, al termine dei quali ha potuto organizzare la sua prima personale negli storici locali dell’Accademia delle Arte del Disegno in Piazza San Marco a Firenze nel 2005, curata da chi scrive. Dopo soggiorni in Sicilia e varie mostre in Toscana, Sicilia e Giappone e la partecipazione nel gennaio 2012 alla Biennale di Venezia-Padiglione Italia a Torino, Dragoni è tornato a risiedere ad Arezzo. La mostra sarà l’occasione per far conoscer e alla città un giovane artista di grande talento e le sue ultime ricerche grafiche e pittoriche.

Arezzo, 28 giugno 2012

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0