Prima Pagina | Lo Sport | Il Giotto monopolizza il Torneo Fit di Livorno

Il Giotto monopolizza il Torneo Fit di Livorno

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il Giotto monopolizza il Torneo Fit di Livorno

Il miglior risultato è la vittoria nell'Under 14 di Fratini, un atleta ormai proiettato verso i tornei europei. Le sorprese arrivano da Pecorella, Ceccarelli e Mascolo, capaci di stupire e di arrivare in semifinale

 

 

AREZZO – La vittoria di Filippo Fratini, cinque atleti in semifinale e due ai quarti di finale: il torneo di Livorno, l'ultima tappa del "Circuito Nazionale Giovanile 2012" (il più importante torneo giovanile organizzato dalla Federazione Italiana Tennis), ha esaltato il Circolo Tennis Giotto, capace di raggiungere risultati con tanti atleti di diverse età. Al torneo, riservato alle categorie dall'Under 10 all'Under 16 e osservato dai tecnici federali, hanno partecipato centinaia di atleti provenienti dai circoli della macroarea Emilia Romagna-Marche-Toscana-Umbria ma, nonostante l'agguerrita concorrenza, i ragazzi del Giotto sono risultati come i grandi protagonisti della manifestazione. Il risultato più importante porta la firma di Filippo Fratini, capace di conquistare la vittoria nell'Under 14 e di confermarsi ancora una volta tra i migliori tennisti italiani: la finale è stata una chiara espressione di questa superiorità perché l'aretino non è mai stato in difficoltà ed ha superato agevolmente per 6-4 e 6-2 Tommaso Schold, forte avversario del Tc Santa Croce. «Filippo è ormai di un'altra categoria - afferma il suo tecnico Alessandro Caneschi. - Ha abbondantemente dimostrato di non avere rivali, dunque per permettere una sua ulteriore crescita, abbiamo deciso di proiettarlo verso i tornei internazionali dell'Eta - European Tennis Association, offrendogli l'opportunità di fare attività internazionale: siamo entusiasti perché, dopo solo poche gare, è già entrato tra i primi 200 ragazzi d'Europa». Aldilà della vittoria, l'Under 14 del torneo ha visto un assoluto dominio del Giotto, capace di monopolizzare le semifinali con tre atleti: tra i primi quattro c'erano anche Alessio Bulletti (sconfitto da Schold) e Andrea Pecorella, un tennista che si è arreso solo nel derby contro Fratini e che è stato la vera sorpresa della manifestazione perché mai era riuscito ad arrivare tanto in alto in una gara nazionale. Nell'Under 10 le imprese portano le firme di Agnese Ceccarelli e di Veronica Mascolo, capaci di arrivare in semifinale dopo aver piegato Chiara Girelli e Caterina Petreni, due delle grandi favorite per la vittoria del torneo contro cui le due bimbe aretine avevano sempre perso; nella stessa categoria sono state ottime anche le prestazioni di Matilde Mariani e Francesco Cartocci che si sono arresi solo ai quarti di finale. «Il torneo di Livorno - conclude Caneschi, - ha evidenziato la qualità di tutto il nostro movimento: è eccezionale constatare come siamo in grado di raggiungere risultati in tutte le categorie».

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0