Prima Pagina | Territori | Presentato il ricorso sull’ineleggibilità di Bittoni

Presentato il ricorso sull’ineleggibilità di Bittoni

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Presentato il ricorso sull’ineleggibilità di Bittoni

 

 

 

In data odierna alcuni elettori castiglionesi vicini alla lista “Cittadini uniti – per il bene comune” hanno depositato al tribunale di Arezzo ricorso nella forma dell’azione popolare al fine di accertare l’ineleggibilità alla carica di Sindaco di Luigi Bittoni, ineleggibilità che la maggioranza ha voluto negare con il proprio voto in consiglio comunale.

Il ricorso trae origine dalla contestata condizione di Bittoni che ha partecipato alla competizione elettorale senza aver cessato il ruolo di presidente dell’Istituto Serristori per dimissioni determinando così una indubbia condizione di alterazione dell’esito elettorale sanzionata dalla legge con la causa di ineleggibilità. Il testo unico degli enti locali prevede infatti che non possa essere eletto alla carica di Sindaco colui che svolge una funzione di componente di organi di governo di aziende dipendenti dal Comune.

Tale anomala situazione era già stata segnalata all’inizio della campagna elettorale durante la quale la lista Cittadini uniti aveva denunciato il rischio che Bittoni, se eletto Sindaco, avrebbe potuto determinare una condizione di grave incertezza per la durata del mandato amministrativo stante l’assenza di dimissioni da presidente della azienda pubblica di servizi alla persona Istituto Serristori, azienda dipendente dal Comune di Castiglion Fiorentino.

Puntualmente le contraddizioni sono venute al pettine, nonostante la maggioranza abbia tentato di salvarsi deliberando in modo illegittimo nel consiglio comunale di insediamento l’insussistenza di cause di ineleggibilità per lo stesso Bittoni.

Adesso però le sorti del mandato amministrativo appena inaugurato sono nelle mani di un collegio giudicante presso il tribunale di Arezzo. I cittadini, rappresentati da un pool di legali formato dall’avvocato Righi del Foro di Firenze e dagli avvocati Nuti e Vanni del Foro di Arezzo, adesso reclamano il ripristino della legalità violata chiedendo al giudice di voler accertare la reale condizione di Bittoni.

Non aver inteso rimuovere un grave conflitto di interessi, purtroppo in piena continuità con un grave vizio nazionale, ha reso necessario ai cittadini rivolgersi alla giustizia per far prevalere la legge sugli interessi di parte.

Castiglion Fiorentino, 27 Giugno 2012

Ufficio Stampa - Lista Civica Cittadini Uniti per il bene comune Paolo Filippi Sindaco

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0